La GNU GPL non è sempre accondiscendente; dice di "no" ad alcune delle cose che a volte la gente vuole fare. Alcuni utenti affermano che sia negativo il fatto che la GPL "escluda" alcuni sviluppatori di software proprietario che "hanno bisogno d'essere portati nella comunità del software libero." Ma non siamo noi ad escluderli dalla nostra comunità; sono loro che scelgono di non entrare. Decidere di produrre software proprietario equivale a decidere di starne fuori. Esservi dentro significa cooperare con noi; non possiamo "portarli nella nostra comunità" se non vogliono unirsi a noi. Ciò che possiamo fare è offrire un incentivo ad unirsi a noi. È per far sì che il nostro software già prodotto sia un incentivo che la GNU GPL è stata pensata: "Se renderete il vostro software libero, potete utilizzare questo codice". Di certo in questo modo non si vincerà sempre, ma qualche volta sì. "Richard Stallman"

macbuntu, cinelerra, cinnamon, lmms, ubuntu, linux Debian, Linux Ubuntu, software libero Gnome Media Player, Multimedia, Audio, Video, Linux, Ubuntu ubuntu 13.04, raring ringtail, linux Kubuntu, KDE, Ubuntu Valve Steam, giochi, Linux, Ubuntu QTOctave, MatLab, programmazione, Linux, Ubuntu Google Calendar, Office, Ubuntu, Linux infografica, email, posta elettronica, messaggistica, Ubuntu, Linux Gnome 3 shell, ambiente grafico, Ubuntu, Arch Linux

Come installare le GNOME Shell Extensions e AWN (Avant Window Navigator) in Ubuntu 11.10 Oneiric Ocelot.

giovedì 1 marzo 2012

Ubuntu è stato per anni leader tra le distribuzioni Linux, ma la percentuale di utenti del software di Canonical sta scendendo in modo costante e massiccio, tanto che secondo gli ultimi dati diffusi da DistroWatch.com, Ubuntu nel corso del 2011 ha perso la sua leadership ed è stato superato da altre distribuzioni.

Particolare terreno è stato conquistato dalla distribuzione Mint, che secondo i dati di DistroWatch.com risulta essere ormai la prima distribuzione Linux in termini di diffusione nell´arco degli ultimi 12 mesi.

Una tendenza di crescita che è confermata e particolarmente importante sopratutto osservando il dato relativo ai mesi più recenti. Mint è ormai oltre l´11%, mentre Ubuntu è sceso intorno al 5%.

Un´altra distribuzione che sta guadagnando rapidamente terreno a scapito di Ubuntu è OpenSUSE, che ha superato la distro di Canonical in novembre, raggiungendo una diffusione vicina al 6%. Medesimo risultato anche per Fedora, che nonostante si sia mantenuta piuttosto stabile negli ultimi mesi, ha comunque superato Ubuntu a causa della continua perdita di utenti di quest´ultimo.

I motivi della disaffezione per Ubuntu è sicuramente nel breve periodo da imputarsi in gran parte alle modifiche apportate all´interfaccia con l´introduzione di Unity, modifiche che non sono state affatto apprezzate, ma va anche sottolineato come il calo di utenza della distro di Canonical sia iniziato già a partire dal lontano 2005, come dimostra la rappresentazione grafica realizzata dal sito Pingdom, che riportiamo di seguito:

share_distro_linux

Si è già detto fin troppe volte che Unity non piace  e di come sia possibile ridare ai nuovi Ubuntu una GUI grafica (di nuovo) usabile: per parte nostra abbiamo trattato di come rimuovere Unity su Ubuntu 11.10 stabile al fine di usare il desktop alla GNOME 2 mediante la modalità GNOME fallback.

Se da un lato tale metodo soddisfa per l’usabilità generale, dall’altro tuttavia non soddisfa per la lentezza, la povertà della grafica, una certa instabilità ed anche per la barra in alto che permane sempre (deriva da libunity6, che però è dipendenza di Nautilus e non c’è quindi verso di eliminarla in modo semplice). Motivazioni, le ultime due, che non ci permettono più nemmeno di disabilitare Unity e installare una dock.

Il metodo oggi proposto (che passa per GNOME Shell), invece, con elevata probabilità soddisferà il “palato” di ognuno, rimediando a tutti i citati difetti: anche i  sostenitori di Unity dovrebbero dargli un’occhiata.

Per l’installazione di GNOME Shell (dai repository ufficiali) è sufficiente dare, da emulatore di terminale:

sudo apt-get install gnome-shell
Seguito dal comando:

sudo /usr/lib/lightdm/lightdm-set-defaults -s gnome-shell

per avere GNOME Shell avviato quale GUI di default. Facciamo seguire un reboot così da verificare che tutto funzioni.
gnome_shell
Per la modifica dell’aspetto grafico dobbiamo ancora una volta rivolgerci a GNOME Tweak Tool:

sudo apt-get install gnome-tweak-tool

Una volta installato sarà possibile lanciarlo mediante lo stesso GNOME Shell; viene chiamato “Impostazioni avanzate”. Di qui finalmente potremo impostare la corretta dimensione per i caratteri, il tema grafico e le icone, se sul desktop debbano esser mostrati o meno le icone di Computer, Home, Cestino, Rete e i device inseriti e montati automaticamente e, meraviglia delle meraviglie, potremo nuovamente bearci dei tre pulsanti per le finestre: minimizzazione, massimizzazione e chiusura (con quale tipo di logica li abbiano tolti sulla Shell è una domanda ricorrente).

A questo punto avremo GNOME Shell installato, gradevolissimo all’occhio, ma decisamente inusabile.
Di qui abbiamo due vie al fine di “vivere felici”: la prima consiste nel cercare di perseguire la user experience alla GNOME 2 in senso stretto, mentre la seconda consiste nell’installare una dock.


gnome_tweak_tool_logo
“GNOME 2 feel”.
Le GNOME Shell Extensions danno la possibilità (tra l’altro) di rimettere al loro posto i menu per sfogliare le applicazioni (vedere anche Cardapio Menu) ed il filesystem, ma manca una barra inferiore che contenga la lista delle applicazioni/risorse aperte e un luogo dal quale poter lanciare le applicazioni preferite.
Ebbene, le estensioni per GNOME Shell Bottom Panel e Favourites in the Panel fanno esattamente ciò che desideriamo. Per l’installazione scaricare la versione per GNOME 3.2 delle estensioni dal website del progetto, quindi estrarle nella propria HOME (verificare che vadano a creare le rispettive cartelle in .local/share/gnome-shell/extensions/), quindi ri-effettuare il login ed utilizzare GNOME Tweak Tool per abilitarle.

La dock.

glx_preview
Di dock per Ubuntu ce ne sono molte e la scelta di Avant Window Navigator (AWN per gli intimi) è dettata dal gusto personale di chi scrive, oltre a oggettive doti della stessa (leggerezza e stabilità, mai un problema).

La dock mostra le applicazioni preferite dall’utente e quelle aperte, e tramite essa è possibile lanciare applicazioni e gestire le risorse del computer (si vedano le immagini in galleria).

AWN è disponibile nei repository ufficiali di Ubuntu:

sudo apt-get install avant-window-navigator

Per chi volesse Rimuovere Unity e utilizzare Gnome Classico di Default ecco una buona guida.

 fonte: Ubuntulandia

Ricerca personalizzata

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:



0 commenti:

Ultimi post pubblicati

I miei preferiti

Aggregatore RSS online Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete! Scarica Curriculum Segnala Feed WebShake – tecnologia Subscribe using FreeMyFeed Aggregatore di blog Aggregatore Blogstreet - dove il blog è di casa Vero Geek iwinuxfeed.altervista.org Paperblog Directory dei blog italiani BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Feed XML offerto da BlogItalia.it BlogNews Il Bloggatore web counter Feedelissimo intopic.it