La GNU GPL non è sempre accondiscendente; dice di "no" ad alcune delle cose che a volte la gente vuole fare. Alcuni utenti affermano che sia negativo il fatto che la GPL "escluda" alcuni sviluppatori di software proprietario che "hanno bisogno d'essere portati nella comunità del software libero." Ma non siamo noi ad escluderli dalla nostra comunità; sono loro che scelgono di non entrare. Decidere di produrre software proprietario equivale a decidere di starne fuori. Esservi dentro significa cooperare con noi; non possiamo "portarli nella nostra comunità" se non vogliono unirsi a noi. Ciò che possiamo fare è offrire un incentivo ad unirsi a noi. È per far sì che il nostro software già prodotto sia un incentivo che la GNU GPL è stata pensata: "Se renderete il vostro software libero, potete utilizzare questo codice". Di certo in questo modo non si vincerà sempre, ma qualche volta sì. "Richard Stallman"

google, chrome, re ubuntu, browsers internet, linux Debian, Linux Ubuntu, software libero Gnome Media Player, Multimedia, Audio, Video, Linux, Ubuntu matlab, guide, introduzione, software educativo, apps, ubuntu, programmazione, linux Kubuntu, KDE, Ubuntu Valve Steam, giochi, Linux, Ubuntu QTOctave, MatLab, programmazione, Linux, Ubuntu Google Calendar, Office, Ubuntu, Linux infografica, email, posta elettronica, messaggistica, Ubuntu, Linux Gnome 3 shell, ambiente grafico, Ubuntu, Arch Linux

Byobu è un’applicazione che si integra col terminale di GNOME per aggiungere funzionalità avanzate alla shell.

giovedì 10 maggio 2012

byobu_logoByobu è un’applicazione che si integra col terminale di GNOME (ma anche con xterm o, Konsole) per aggiungere funzionalità avanzate alla shell: ospitato da Launchpad, il programma è nei repository di Karmic Koala ed è scaricabile come backport dal PPA dedicato.

Avviando byobu si avvia la configurazione del software, che può essere integrato alla shell già in avvio di sessione: in sé si tratta di un miglioramento di GNU Screen e consente di configurare numerose notifiche che compaiono direttamente sul terminale.

Se impostato come una shell di login, a ogni avvio di GNOME Terminal corrisponderà l’avvio automatico di Byobu — che consente di scegliere attraverso una serie di impostazioni predefinite per i keybinding richiamabili. Può rivelarsi molto utile per tenere sempre sotto controllo la propria macchina.

Caratteristiche:
Stato della batteria.
Informazioni sulla CPU.
Data / ora.
Spazio su disco.
Velocità della ventola.
Hostname.
Indirizzo IP.
Il carico della CPU.
Numero di e-mail.
La memoria disponibile / in uso.
Temperatura.
Numero di utenti registrati.
Informazioni dalla rete wireless.
Aggiornamenti disponibili.
altro.

Installazione:

sudo add-apt-repository ppa:byobu/ppa
sudo apt-get update && sudo apt-get install byobu

Terminata l'installazione digitare:
byobu
Questo avvia l'applicazione, successivamente pigiare sulla tastiera "F9", per avviare il menù di configurazione del programma, con la barra spaziatrice si aggiungono le stelline mentre con le frecce si fanno scorrere le voci disponibili, quando avete terminato, uscire con "TAB" e "Invio".

Screenshots.

byobu

byobu-4

byobu_Editing Profile “Default”

byobu-5


Ricerca personalizzata
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:


0 commenti:

Ultimi post pubblicati

I miei preferiti