La GNU GPL non è sempre accondiscendente; dice di "no" ad alcune delle cose che a volte la gente vuole fare. Alcuni utenti affermano che sia negativo il fatto che la GPL "escluda" alcuni sviluppatori di software proprietario che "hanno bisogno d'essere portati nella comunità del software libero." Ma non siamo noi ad escluderli dalla nostra comunità; sono loro che scelgono di non entrare. Decidere di produrre software proprietario equivale a decidere di starne fuori. Esservi dentro significa cooperare con noi; non possiamo "portarli nella nostra comunità" se non vogliono unirsi a noi. Ciò che possiamo fare è offrire un incentivo ad unirsi a noi. È per far sì che il nostro software già prodotto sia un incentivo che la GNU GPL è stata pensata: "Se renderete il vostro software libero, potete utilizzare questo codice". Di certo in questo modo non si vincerà sempre, ma qualche volta sì. "Richard Stallman"

google, chrome, re ubuntu, browsers internet, linux Debian, Linux Ubuntu, software libero Gnome Media Player, Multimedia, Audio, Video, Linux, Ubuntu matlab, guide, introduzione, software educativo, apps, ubuntu, programmazione, linux Kubuntu, KDE, Ubuntu Valve Steam, giochi, Linux, Ubuntu QTOctave, MatLab, programmazione, Linux, Ubuntu Google Calendar, Office, Ubuntu, Linux infografica, email, posta elettronica, messaggistica, Ubuntu, Linux Gnome 3 shell, ambiente grafico, Ubuntu, Arch Linux

PCManFM è un file manager per Linux, pensato come alternativa leggera a Nautilus.

martedì 14 agosto 2012

pcman-file-manager PCManFM è un file manager per Linux, pensato come alternativa leggera a Nautilus, il file manager predefinito dell’ambiente desktop Gnome.

Oltre a essere molto leggero permette di gestire più schede nella stessa finestra, supporta il drag and drop e può visualizzare le anteprime delle immagini e di altri file grafici. Nella configurazione di default non visualizza le anteprime per i file più grandi di 1 MB, così da non sprecare risorse: questo parametro può essere modificato nel pannello preferenze.

Permette anche l’apertura del terminale nel percorso corrente e può gestire la modalità Super Utente, con permessi di root.

Nautilus, come Konqueror per KDE, è un ottimo File Manager. A volte però può risultare un po lento e pesante. Se volete alleggerire il vostro sistema o se siete semplicemente stanchi di Nautilus e volete provare qualche File Manager alternativo, beh, PCMan può fare al caso vostro. Gli utenti Gnu/Linux dispongono di un infinità di File Manager leggeri, alcuni però, come ROX-filer sono un po’ scomodi da usare, altri invece, come Thunar di Xfce, non dispongono di funzioni importanti come la navigazione a schede. PCMan è al tempo stesso leggero e completo.

Le principali caratteristiche di questo interessante File manager sono:

- l’estremma velocità e leggerezza
- la velocità d’avvio
- la navigazione a schede
- il supporto alla funzione Drag & Drop
- la gestione dei volumi
- l’associazione dei file
- il supporto dei segnalibri
- e tanto altro

Installazione.
1) Aprite il terminale e digitate:
sudo apt-get install pcmanfm
2) Scaricare il pacchetto deb da qui.

Una volta installato lo trovate nel menù:

 Applicazioni-> Strumenti di sistema -> PCMan File Manager.

Come sostituirlo a Nautilus in Ubuntu.

- per prima cosa facciamo un backup di questi file (nel caso volessimo tornare a Nautilus):

sudo cp /usr/share/applications/nautilus.desktop /usr/share/applications/nautilus.desktop.backup
sudo cp /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop.backup

- poi apriamo questi file e sostituiamo tutte le parole nautilus con pcmanfm:

sudo gedit /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop

e

sudo gedit /usr/share/applications/nautilus.desktop

- ora andiamo a configurare il Gnome Session Manager, così Ubuntu non cercherà di caricare Nautilus ad ogni avvio del sistema. Prima però backuppiamo questo file:

sudo cp /usr/share/gnome/default.session /usr/share/gnome/default.session.backup
poi, editiamo questo:

sudo gedit /usr/share/gnome/default.session

cancellando tutte le linee riguardanti Nautilus (quelle che iniziano con lo stesso numero) ad esempio:

2,id=default2
2,Priority=40
2,RestartCommand=nautilus –no-default-window –sm-client-id default2
aggiustando la numerazione, in modo che non salti da 1 a 3, ed infine, sostituendo in questa linea:
num_clients=X

il numero dei processi precedente con quello attuale (uno in meno).
- ora, per rimpiazzare completamente Nautilus, diamo questi comandi:

sudo cp /usr/bin/nautilus /usr/bin/nautilus.backup
sudo rm /usr/bin/nautilus
sudo ln -s /usr/bin/pcmanfm /usr/bin/nautilus
apriamo PCMan, andando su Modifica -> Preferenze-> Desktop, configuriamo il wallpaper e le altre impostazioni, e riavviamo la sessione (ctrl+alt+backspace).

Nel caso vi stancaste di PCMan, potete tornare a Nautilus, dando questi comandi:

sudo cp /usr/share/applications/nautilus.desktop.backup /usr/share/applications/nautilus.desktop
sudo cp /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop.backup /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop
sudo cp /usr/share/gnome/default.session.backup /usr/share/gnome/default.session
sudo cp /usr/bin/nautilus.backup /usr/bin/nautilus
Screenshots.





Desktop icon support












Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:


Ricerca personalizzata


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:



0 commenti:

Ultimi post pubblicati

I miei preferiti