Guida a Pinta validissimo editor grafico gratuito e open source: installazione.

Installazione di Pinta
Pinta può essere installato su Linux, Mac, Windows o * BSD. Per questo motivo, esistono diversi modi per installare Pinta in base a ciò che si sta utilizzando come sistema operativo.

Questo documento ti mostrerà i diversi modi per installare Pinta.

Installazione di Pinta su Ubuntu
Installa Pinta dal repository Ubuntu predefinito
Pinta è disponibile nel repository Ubuntu predefinito. Puoi installarlo usando:

Fare clic su Ubuntu Software Center da Launcher (pannello icona sito sinistro).
Nella casella di input in alto a destra digitare: Pinta e premere Invio.
Pinta viene visualizzato sotto l'elenco. Fare clic su di esso e fare clic sul pulsante Installa.
Ma Pinta dal repository Ubuntu predefinito può essere una versione precedente, quindi potresti voler installare una versione più recente di Pinta dal repository PPA dei manutentori di Pinta. Vedi sotto.

Installa Pinta dal repository PPA dei manutentori di Pinta utilizzando l'interfaccia utente grafica (per i principianti)
Il software nel repository Ubuntu predefinito può non essere aggiornato. I manutentori di Pinta offrono versioni più recenti nel repository di software denominato PPA. In Ubuntu è molto semplice aggiungere un nuovo PPA agli elenchi dei repository software per installare nuovo software o fornire aggiornamenti di sistema.

Fare clic su Ubuntu Software Center da Launcher (pannello icona sito sinistro).
Dal menu Modifica, fare clic su Sorgenti software.
Fai clic sulla scheda Altro software.
Nella parte inferiore della finestra di dialogo fai clic sul pulsante Aggiungi.
Incolla: deb http://ppa.launchpad.net/pinta-maintainers/pinta-daily/ubuntu ubuntu_version main
Nota: invece di ubuntu_version usare: preciso per Ubuntu 12.04, fidato per Ubuntu 14.04, utopico per Ubuntu 14.10 o vivido per Ubuntu 15.04.
Fare clic sul pulsante Chiudi, quindi nella casella di input in alto a destra digitare Pinta e dall'applicazione elencata fare clic sul pulsante Installa nel programma Pinta.
Installa Pinta dal repository PPA dei manutentori di Pinta usando il terminale (per utenti esperti)
Terminale aperto con CTRL + ALT + T Aggiungi repository PPA stabile Pinta:

sudo add-apt-repository ppa: pinta-maintainers / pinta-stable

Nota: invece di pinta-stabile è possibile aggiungere pinta ogni giorno se si desidera testare Pinta più recente e più grande, ma potrebbe essere difettoso.

Aggiorna gli elenchi dei pacchetti di sistema:

sudo apt-get update

Installa Pinta:

sudo apt-get install pinta

Installazione di Pinta su * BSD
FreeBSD e DragonFly BSD
Pinta è disponibile nelle porte BSD FreeBSD e DragonFly.

Puoi installare il pacchetto binario usando:

sudo pkg installa pinta

o compilarlo usando:

cd / usr / doors / graphics / pinta && sudo rendono l'installazione pulita

OpenBSD
Pinta è disponibile nelle porte OpenBSD.

Puoi installare il pacchetto binario usando:

sudo pkg_add pinta

o compilarlo usando:

cd / usr / doors / graphics / pinta && sudo make install

Usando il Tarball
Un tarball è come un file ZIP. È un singolo file con molti file al suo interno. Come un file ZIP, deve essere estratto prima di poter utilizzare i file in essi contenuti.

Innanzitutto, devi scaricare il tarball. Vai alla pagina di download e fai clic sul collegamento Download in Tarball. Scarica il file dove vuoi, assicurati di ricordare dove.

In secondo luogo, dobbiamo estrarlo. Puoi utilizzare il mouse per fare clic con il pulsante destro del mouse sul file Tarball e selezionare "Estrai qui" oppure puoi utilizzare il terminale se ti senti più a tuo agio.

Ecco il comando per estrarre i file tramite il terminale, assicurati di trovarti nella stessa cartella del tarball:

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti in Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Tumblr, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Hugo Repetto

Hugo Repetto

Ubuntu giunge alle nostre orecchie solo perché è stato mutuato come nome per un sistema operativo di successo; lo abbiamo sentito nei discorsi di Mandela, del vescovo Tutu, ed è uno dei concetti fondanti di quel movimento di rinascimento che vuole far fiorire il continente africano al di sopra delle difficoltà attuali.

Nessun commento:

Posta un commento

Powered by Blogger.