Griffith ottimo gestionale automatico e multipiattaforma per la vostra collezione di film.

Griffith è una ottima applicazione per gestire collezioni video come si fa con gli Mp3.

Basta inserire qualche dato, come ad es
empio il titolo del film, e Griffith cerca per noi informazioni dettagliate su Internet.

L'aggiornamento delle schede avviene tramite internet, con la ricerca in automatico di ogni tipo di informazione che desideriamo, come ad esempio le locandine, la biografia degli attori, la trama, le recensioni, inserti speciali e altro.
L'immagine “http://www.aliprestito.net/banner/468x60_ali_r2aereo.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Completo tutorial (in inglese)

Screenshots

About Dialog

Image

The main window

Image

The poster viewer in front of the main window

Image



E’ possibile installare il pacchetto su tutte le distribuzioni Debian-based (Ubuntu compresa) dando da terminale un:

sudo apt-get install griffith

In alternativa andate sul sito ufficiale del progetto ( http://griffith.berlios.de/ ), scaricate i sorgenti scompattate e installate.

Griffith è una applicazione scritta per GTK+ e sviluppata per lo più in python quindi dovrete scaricare le relative dipendenze nel caso in cui vengano richieste e trovate automaticamente da apt. Se avete scelto di scaricare e installare da sorgente, trovate l’ elenco delle dipendenze sempre sul sito ufficiale. E’ inoltre disponibile anche per Windows, quindi se siete per lo più utilizzatori dell’ OS Micro$oft questa guida vi potrà essere ugualmente utile. Dopo l’installazione andate in Applicazioni —-> Audio e Video e qui troverete l’ applicazione pronta per essere eseguita.

L'immagine “http://www.motoreshopping.it/prometeo/500x300.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

L’interfaccia grafica che vi troverete davanti appena aperta l’applicazione è ben curata e risulta essere intuitiva, usabile e molto chiara. Nello spazio vuoto di fronte a voi comparirà, una volta inseriti i vostri titoli, la lista completa e sulla destra le informazioni relative al titolo selezionato.

Schermata Iniziale

La schermata iniziale di Griffith

L’inserimento di alcuni bottoni per le funzioni base appena sotto la barra del menù rende molto intuitivo l’utilizzo del programma. Per aggiungere un primo film alla nostra lista clicchiamo sul pulsante “+” o, in alternativa, andate in “Edita —> Aggiungi”.

Aggiungi Film

Schermata di aggiunta dei titoli

La schermata che vi trovate davanti risulta anch’essa molto intuitiva. Si può decidere di inserire manualmente le diverse informazioni riempiendo i vari campi vuoti nei diversi tab, oppure (come immagino farete) in maniera automatica, scaricando le informazioni da una delle diverse banche dati disponibili.

Selezionate la vostra preferita dal menù sulla destra. Per avere le informazioni in italiano selezionate quella che vedete nell’immagine e cliccate poi sul pulsante “Prendi dalla rete”. Nel caso in cui del vostro titolo non sia disponibile l’immagine per la locandina sul database italiano, vi insegno un piccolo trucchetto ( ;-) ). Selezionate un’altra banca dati a vostra scelta; trovate il vostro film con la relativa locandina e salvate così. In seguito tornate nel menù di modifica del film, selezionate la banca dati italiana, scaricate nuovamente le informazioni, che saranno questa volta ovviamente in italiano, e salvate il tutto. Oppure più semplicemente vi cercate una locandina su internet e la inserite manualmente dal menù “Edita –> Immagine locandina –> Apri”.

Ripetendo le operazioni sopra descritte per tutti i vostri film il risultato sarà il seguente:

Risultato

Lista completa dei vostri film

Aspetto molto interessante è che una volta completato il vostro database avrete la possibilità di effettuarne una copia di backup, comprensivo di locandine. L’ operazione è attuabile facilmente andando alla voce “File –> Salva come”. Nel caso in cui poi doveste disinstallare il programma, o formattare la vostra partizione linux ed in seguito reinstallare il programma, (insomma qualsiasi cosa aveste intenzione di fare) potrete recuperare il vostro database personale di film selezionando l’archivio salvato in precedenza e ripristinandolo tramite “File –> Ripristina”.

Altra funzionalità interessante è la possibilità di poter esportare la vostra intera lista in diversi formati quali CSV, HTML, PDF e XML. In particolare, l’esportazione nel formato HTML è caratterizzata dal fatto di essere totalmente personalizzabile, decidendo secondo quale criterio ordinare i film nelle pagine che verranno create e selezionando anche il tema che si preferisce.

Logica

Decidete secondo quale logica ordinare la vostra lista e quali informazioni vi interessano.

Lista

Come preferite che appaia l’elenco dei vostri film?

L'immagine “http://www.motoreshopping.it/barclaycard/550x550_b.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Se poi (come me) siete dei distratti e non vi ricordate a chi avete prestato quella decina di film che inspiegabilmente avete notato mancare dal vostro porta-dvd, troverete molto utile la funzione di gestione dei prestiti implementata da Griffith.

Si possono aggiungere “Persone” in un determinato elenco ed eventualmente inserire un indirizzo e-mail o un numero di telefono tramite il quale poterli contattare e chiedere loro se 6 mesi non gli sembra un periodo ragionevole per vedere un film ( :-) ).

Locazione

Così saprete sempre dove sono finiti i vostri film.

Inoltre nella finestra principale mostrata all’inizio di questa recensione/guida abbiamo un tab che ci indica a chi abbiamo prestato i nostri film e ci ricorda a chi abbiamo ceduto il film (in precedenza) e la data del rientro che ci eravamo prefissati.

fonte: tuxmind

L'immagine “http://www.parship.it/main/images/banner/yyc468c.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:



Ultimi post pubblicati



Universo Linux

Luca Soraci

Luca Soraci

Ubuntu giunge alle nostre orecchie solo perché è stato mutuato come nome per un sistema operativo di successo; lo abbiamo sentito nei discorsi di Mandela, del vescovo Tutu, ed è uno dei concetti fondanti di quel movimento di rinascimento che vuole far fiorire il continente africano al di sopra delle difficoltà attuali.

Nessun commento:

Posta un commento

Powered by Blogger.