Device Linux, interfaccia per i driver che si occupano del reale accesso all'hardware.

In Linux, all'interno della directory /dev, sono presenti diversi file speciali, chiamati file di device, che si comportano in modo diverso dai file normali. 

I tipi più comuni di file di device sono per i device a blocchi e per i device a caratteri. 

Questo tipo di file sono un'interfaccia per i driver (che fanno parte del kernel Linux) che si occupano del reale accesso all'hardware. 

Un altro tipo di device, meno comune, sono i file pipe. I file di device più significativi sono elencati nella seguente tabella. 

fd0 Primo lettore di dischetti
fd1 Secondo lettore di dischetti
hda Disco fisso o lettore CD IDE presente sulla prima porta IDE (Master)
hdb Disco fisso o lettore CD IDE presente sulla prima porta IDE (Slave)
hdc Disco fisso o lettore CD IDE presente sulla seconda porta IDE (Master)
hdd Disco fisso o lettore CD IDE presente sulla seconda porta IDE (Slave)
hda1 Prima partizione del primo disco fisso IDE
hdd15 Quindicesima partizione del primo disco fisso IDE
sda Il disco fisso SCSI con l'ID SCSI più basso (p.e. 0)
sdb Il disco fisso SCSI con l'ID SCSI successivo (p.e. 1)
sdc Il disco fisso SCSI con l'ID SCSI ulteriore (p.e. 2)
sda1 Prima partizione del primo disco fisso SCSI
sdd10 Decima partizione del primo disco fisso SCSI
sr0 Il lettore CD SCSI con l'ID SCSI più basso
sr1 Il lettore CD SCSI con l'ID SCSI successivo
ttyS0 Porta seriale 0, COM1 sotto MS-DOS
ttyS1 Porta seriale 1, COM2 sotto MS-DOS
psaux Device del mouse PS/2
gpmdata Pseudo device, usato dal demone GPM per ritrasmettere i dati del mouse
cdrom Link simbolico al lettore CD
mouse Link simbolico al file di device del mouse
null Qualunque cosa scritta su questo device scomparirà
zero Vi si possono leggere infiniti zero


Configurazione del mouse

Il mouse può essere utilizzato sia in console (con gpm) che in ambiente X Window. Normalmente si tratta solo di installare gpm e il server X. 

Entrambi devono essere configurati per usare come device per il mouse /dev/input/mice, il protocollo corretto è chiamato exps2 in gpm e ExplorerPS/2 sotto X. I file di configurazione sono rispettivamente /etc/gpm.conf e /etc/X11/xorg.conf

Potrebbe essere necessario caricare alcuni moduli del kernel per far funzionare il mouse. Nella maggior parte dei casi questi moduli vengono caricati automaticamente, ma per i vecchi mouse seriali e per i bus mouse non sempre avviene. 

Questi mouse sono abbastanza rari tranne su computer molto vecchi. Segue un riepilogo dei moduli per il kernel Linux necessari all'uso dei diversi tipi di mouse:


Modulo Descrizione
psmouse Mouse PS/2 (dovrebbe essere riconosciuto automaticamente)
usbhid Mouse USB (dovrebbe essere riconosciuto automaticamente)
sermouse La maggior parte dei mouse seriali
logibm Bus mouse connesso a una scheda Logitech
inport Bus mouse connesso a una scheda ATI o Microsoft InPort
Per caricare un modulo con il driver per un mouse si può usare il comando modconf (contenuto nell'omonimo pacchetto) e controllare nella categoria kernel/drivers/input/mouse


Screenshots.




Ricerca personalizzata


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:




Luca Soraci

Luca Soraci

Ubuntu giunge alle nostre orecchie solo perché è stato mutuato come nome per un sistema operativo di successo; lo abbiamo sentito nei discorsi di Mandela, del vescovo Tutu, ed è uno dei concetti fondanti di quel movimento di rinascimento che vuole far fiorire il continente africano al di sopra delle difficoltà attuali.

Nessun commento:

Posta un commento

Powered by Blogger.