Grub 1.96, in attesa della versione stabile di Grub2


Per caricare le distribuzioni GNU/Linux, come anche gli altri sistemi operativi, è sempre necessario un boot loader. Bene, Grub appartiene proprio a questa categoria di programmi e consente di eseguire GNU/Linux. Ormai è diventato il boot loader predefinito sulla maggior parte delle distribuzioni, soprattutto perché sicuro, stabile e altamente configurabile e personalizzabile.

GRUB (GRand Unified Bootloader) è un boot loader semplice da usare, perché configurato attraverso un normale file di configurazione (in genere /boot/grub/menu.lst, anche se a seconda della distribuzione utilizzata potrebbe essere anche /etc/grub.conf.

AsteClick - iPod Touch 32gb
È corredato da vari programmi ausiliari. In particolare grub-install è in grado di trovare i vari kernel presenti nella root directory e di generare la configurazione necessaria.

Identificare i dispositivi

GRUB utilizza una nomenclatura dei device diversa rispetto a quella che siamo abituati ad utilizzare in LILO o all'interno di Linux, ed è un aspetto piuttosto normale considerando il fatto che non è un bootloader dedicato al solo sistema del pinguino. GRUB richiede che le unità cui si fa riferimento siano indicate fra parentesi tonde, e deve essere specificato sia il tipo di unità che il numero cardinale progressivo (iniziano a contare dal numero 0 e non 1) ed, eventualmente, la partizione utilizzata.
Qualche esempio chiarirà meglio la situazione:
(hd0,1) indica che ci si sta riferendo ad un hard disk (hd), e tra tutti i dischi fissi presenti sul computer, si indica proprio il primo della catena (hd0).

GRUB non fa alcuna differenza tra IDE, SCSI, o SATA: tutto dipende dalla catena di riconoscimento del BIOS, che può essere impostata a piacere. In genere, i dischi EIDE hanno la precedenza sui restanti, e vengono identificati con i numeri più bassi.

Il secondo numero dopo la virgola indica la partizione del disco specificato alla quale ci si sta riferendo: le partizioni primarie vengono identificate come 0, 1, 2 e 3 mentre le partizioni logiche iniziano sempre da 4, indipendentemente dal numero di primarie presenti. Nell'esempio, (hd0,1) indica la seconda partizione primaria (si inizia a contare da zero!), mentre (hd0,4) indica la prima partizione logica sempre dello stesso disco. Nel caso ci si stia riferendo ad un disco EIDE, secondo la convenzione Linux, (hd0,1) corrisponde a hda2, mentre (hd0,4) corrisponde a hda5.
Rispetto agli altri boot loader, GRUB è in grado di sfogliare file all'interno dei file system. Attualmente supporta i seguenti file system:

* Ext2/Ext3
* ReiserFS
* XFS di SGI (sperimentale)
* Journaled File System (JFS)
* UFS
* VFAT (FAT16 e FAT32).

Grub prende normalmente l'input dalla console del computer, ovvero monitor e tastiera, ma può essere configurato anche per interagire con una console seriale.

Attualmente è in fase di sviluppo GRUB 2 che sostituirà l'attuale GRUB (versione 0.9x). GRUB 2 rivoluzionerà il boot loader, creandone uno di nuova generazione grazie alla fusione con il codice di PUPA.
Ultima versione stabile: Grub 1.96
La nuova versione alpha di Grub2 è disponibile via ftp a questo indirizzo

Grub2 Features

AsteClick - TomTom One Europe
GRUB 2 is derived from PUPA which was a research project to investigate the next generation of GRUB. GRUB 2 has been rewritten from scratch to clean up everything for modularity and portability. A mailing list and a wiki have been setup for discussing the development of GRUB 2.

GRUB 2 targets at the following goals:

  • Scripting support, such as conditionals, loops, variables and functions.
  • Graphical interface.
  • Dynamic loading of modules in order to extend itself at the run time rather than at the build time.
  • Portability for various architectures.
  • Internationalization. This includes support for non-ASCII character code, message catalogs like gettext, fonts, graphics console, and so on.
  • Real memory management, to make GNU GRUB more extensible.
  • Modular, hierarchical, object-oriented framework for file systems, files, devices, drives, terminals, commands, partition tables and OS loaders.
  • Cross-platform installation which allows for installing GRUB from a different architecture.
  • Rescue mode saves unbootable cases. Stage 1.5 was eliminated.
  • Fix design mistakes in GRUB Legacy, which could not be solved for backward-compatibility, such as the way of numbering partitions.
Multiboot Specification
Multiboot Specification is a protocol between a boot loader and an OS kernel. Because this specification is generic, you can use the protocol in your own boot loader and/or in your own OS freely. Follow this link, for more details.

Seafight 468x60


Ultimi post pubblicati




160X600.gif

Vacanze    TUI.it

Universo Linux

Luca Soraci

Luca Soraci

Ubuntu giunge alle nostre orecchie solo perché è stato mutuato come nome per un sistema operativo di successo; lo abbiamo sentito nei discorsi di Mandela, del vescovo Tutu, ed è uno dei concetti fondanti di quel movimento di rinascimento che vuole far fiorire il continente africano al di sopra delle difficoltà attuali.

Nessun commento:

Posta un commento

Powered by Blogger.