PCManFM è un file manager per Linux, pensato come alternativa leggera a Nautilus.

pcman-file-manager PCManFM è un file manager per Linux, pensato come alternativa leggera a Nautilus, il file manager predefinito dell’ambiente desktop Gnome.

Oltre a essere molto leggero permette di gestire più schede nella stessa finestra, supporta il drag and drop e può visualizzare le anteprime delle immagini e di altri file grafici. Nella configurazione di default non visualizza le anteprime per i file più grandi di 1 MB, così da non sprecare risorse: questo parametro può essere modificato nel pannello preferenze.

Permette anche l’apertura del terminale nel percorso corrente e può gestire la modalità Super Utente, con permessi di root.

Nautilus, come Konqueror per KDE, è un ottimo File Manager. A volte però può risultare un po lento e pesante. Se volete alleggerire il vostro sistema o se siete semplicemente stanchi di Nautilus e volete provare qualche File Manager alternativo, beh, PCMan può fare al caso vostro. Gli utenti Gnu/Linux dispongono di un infinità di File Manager leggeri, alcuni però, come ROX-filer sono un po’ scomodi da usare, altri invece, come Thunar di Xfce, non dispongono di funzioni importanti come la navigazione a schede. PCMan è al tempo stesso leggero e completo.

Le principali caratteristiche di questo interessante File manager sono:

- l’estremma velocità e leggerezza
- la velocità d’avvio
- la navigazione a schede
- il supporto alla funzione Drag & Drop
- la gestione dei volumi
- l’associazione dei file
- il supporto dei segnalibri
- e tanto altro

Installazione.
1) Aprite il terminale e digitate:
sudo apt-get install pcmanfm
2) Scaricare il pacchetto deb da qui.

Una volta installato lo trovate nel menù:

 Applicazioni-> Strumenti di sistema -> PCMan File Manager.

Come sostituirlo a Nautilus in Ubuntu.

- per prima cosa facciamo un backup di questi file (nel caso volessimo tornare a Nautilus):

sudo cp /usr/share/applications/nautilus.desktop /usr/share/applications/nautilus.desktop.backup
sudo cp /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop.backup

- poi apriamo questi file e sostituiamo tutte le parole nautilus con pcmanfm:

sudo gedit /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop

e

sudo gedit /usr/share/applications/nautilus.desktop

- ora andiamo a configurare il Gnome Session Manager, così Ubuntu non cercherà di caricare Nautilus ad ogni avvio del sistema. Prima però backuppiamo questo file:

sudo cp /usr/share/gnome/default.session /usr/share/gnome/default.session.backup
poi, editiamo questo:

sudo gedit /usr/share/gnome/default.session

cancellando tutte le linee riguardanti Nautilus (quelle che iniziano con lo stesso numero) ad esempio:

2,id=default2
2,Priority=40
2,RestartCommand=nautilus –no-default-window –sm-client-id default2
aggiustando la numerazione, in modo che non salti da 1 a 3, ed infine, sostituendo in questa linea:
num_clients=X

il numero dei processi precedente con quello attuale (uno in meno).
- ora, per rimpiazzare completamente Nautilus, diamo questi comandi:

sudo cp /usr/bin/nautilus /usr/bin/nautilus.backup
sudo rm /usr/bin/nautilus
sudo ln -s /usr/bin/pcmanfm /usr/bin/nautilus
apriamo PCMan, andando su Modifica -> Preferenze-> Desktop, configuriamo il wallpaper e le altre impostazioni, e riavviamo la sessione (ctrl+alt+backspace).

Nel caso vi stancaste di PCMan, potete tornare a Nautilus, dando questi comandi:

sudo cp /usr/share/applications/nautilus.desktop.backup /usr/share/applications/nautilus.desktop
sudo cp /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop.backup /usr/share/applications/nautilus-folder-handler.desktop
sudo cp /usr/share/gnome/default.session.backup /usr/share/gnome/default.session
sudo cp /usr/bin/nautilus.backup /usr/bin/nautilus
Screenshots.





Desktop icon support












Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:


Ricerca personalizzata


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:



Luca Soraci

Luca Soraci

Ubuntu giunge alle nostre orecchie solo perché è stato mutuato come nome per un sistema operativo di successo; lo abbiamo sentito nei discorsi di Mandela, del vescovo Tutu, ed è uno dei concetti fondanti di quel movimento di rinascimento che vuole far fiorire il continente africano al di sopra delle difficoltà attuali.

Nessun commento:

Posta un commento

Powered by Blogger.