K3b

è appena arrivato K3B 1.0.2 nel repository di Ubuntu Gutsy e di conseguenza compilato, impacchettato e inserito nel repository di Pollycoke.

k3b.jpg

Consigliato di installare altri pacchetti non ufficiali.

Ecco i pacchetti deb per Ubuntu Dapper (i386)

File k3b1-0-dapper.tar.gz (12.05 MB) mirror

Verificate che nel vostro sistema sia installato il pacchetto

dvd+rw-tools 7.06~dapper2

pacchetto presente nel deposito dapper-backports (verificate sia attivato)

deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ dapper-backports main restricted universe multiverse

Rimuovete il pacchetto

sudo dpkg -r libk3b2-mp3

se l’avevate installato
(và in conflitto, i plugin mp3 sono integrati nel nuovo pacchetto).

Scompattate l’archivio e nella cartella digitate:

sudo dpkg -i libk3b*.deb
sudo dpkg -i k3b_1.0_i386.deb

In caso (probabile) di pacchetti non configurati perchè manca qualche dipendenza

sudo apt-get install -f

e scaricate installate i pacchetti proposti che mancano

Image Hosted by ImageShack.us

poi in ogni caso digitate

sudo dpkg -i *.deb

Al primo avvio vi dirà che un programma non ha i diritti di root.

Image Hosted by ImageShack.us

Avviate come proposto il configuratore k3bsetup, lasciate com’è, applica, poi ok.

Image Hosted by ImageShack.us

Riavviate k3b. Ora dovreste visualizzare:

Image Hosted by ImageShack.us


NON SI GARANTISCE IN ALCUN MODO IL CORRETTO FUNZIONAMENTO
DI QUESTI PACCHETTI. SE LI INSTALLATE LO FATE A VOSTRO RISCHIO E PERICOLO.

Se non vi piace, non funziona eccetera

sudo dpkg -r lib3b2-dev lib3b2 k3b k3b-i18n

poi reinstallate il k3b precedente da adept/synaptic.

Luca Soraci

Luca Soraci

Ubuntu giunge alle nostre orecchie solo perché è stato mutuato come nome per un sistema operativo di successo; lo abbiamo sentito nei discorsi di Mandela, del vescovo Tutu, ed è uno dei concetti fondanti di quel movimento di rinascimento che vuole far fiorire il continente africano al di sopra delle difficoltà attuali.

Nessun commento:

Posta un commento

Powered by Blogger.