La GNU GPL non è sempre accondiscendente; dice di "no" ad alcune delle cose che a volte la gente vuole fare. Alcuni utenti affermano che sia negativo il fatto che la GPL "escluda" alcuni sviluppatori di software proprietario che "hanno bisogno d'essere portati nella comunità del software libero." Ma non siamo noi ad escluderli dalla nostra comunità; sono loro che scelgono di non entrare. Decidere di produrre software proprietario equivale a decidere di starne fuori. Esservi dentro significa cooperare con noi; non possiamo "portarli nella nostra comunità" se non vogliono unirsi a noi. Ciò che possiamo fare è offrire un incentivo ad unirsi a noi. È per far sì che il nostro software già prodotto sia un incentivo che la GNU GPL è stata pensata: "Se renderete il vostro software libero, potete utilizzare questo codice". Di certo in questo modo non si vincerà sempre, ma qualche volta sì. "Richard Stallman"

macbuntu, cinelerra, cinnamon, lmms, ubuntu, linux Debian, Linux Ubuntu, software libero Gnome Media Player, Multimedia, Audio, Video, Linux, Ubuntu ubuntu 13.04, raring ringtail, linux Kubuntu, KDE, Ubuntu Valve Steam, giochi, Linux, Ubuntu QTOctave, MatLab, programmazione, Linux, Ubuntu Google Calendar, Office, Ubuntu, Linux infografica, email, posta elettronica, messaggistica, Ubuntu, Linux Gnome 3 shell, ambiente grafico, Ubuntu, Arch Linux

Tux Paint pratico programma per il disegno, open source, rivolto ai più piccoli (dai 3 ai 12 anni)

venerdì 20 novembre 2009

Tux Paint è un pratico programma per il disegno, gratuito, rivolto ai più piccoli (dai 3 ai 12 anni).

Tra le incredibili caratteristiche di Tux Paint troviamo:

- Pennello: diversi pennelli e colori disponibili;
- Timbri di gomma: immagini già pronte possono riportare del testo descrittivo e dei suoni;
- Strumento linea;
- Strumento forma: inserisce o elimina diversi colori;
- Strumento testo: diversi caratteri e dimensioni disponibili;
- Strumento effetti speciali (magic) con le seguenti funzioni: specchio, inverti, sfumatura, mattoni, negativo, arcobaleno, gessetto, gocce, scintille, schiarisci, riempi e sbavatura;
- Cancellino/gomma;
- Opzione annulla.

Tux Paint ha un’interfaccia completamente grafica che permette ai vostri figli di utilizzare tutti i comandi disponibili.

Il programma offre delle opzioni di configurazione rivolte ai genitori, come la modalità a tutto schermo, per far sì che il bambino non possa accedere ad altre risorse del computer, gli effetti acustici possono essere disattivati come anche i comandi della stampante e di uscita.

E’ un programma multipiattaforma, nato per Linux, che funziona molto bene anche in Windows, è un software libero, rilasciato come OpenSource, sottostante i termini della (GNU General Public License). Questo significa che potete scaricalo e installarlo su quante macchine desiderate, copiarlo e distribuirlo ad amici e parenti, e darlo alla vostra scuola locale. È da poco uscita la nuova release di Tuxpaint, la 9.16, che aggiunge nuove funzionalità tra cui i pennelli animati, divertenti commenti sonori stereo e una più ricca fornitura di timbri (ossia di immagini già pronte da inserire nelle creazioni).

Esistono varie versioni di Tuxpaint da scaricare, ce n’è una pensata per coloro che preferiscono non usare un programma eseguibile per poi procedere all’installazione nel proprio Pc. È composta infatti da un archivio estraibile che, una volta scompattato, non installa direttamente il programma, ma origina una cartella che contiene tutti i file necessari per l’esecuzione. Questa versione comprende anche i “timbri”, cioè le clipart che tanto piacciono ai bambini, da inserire nei disegni.

Il programma è semplice ma ricco di funzionalità, è gratis e piace molto ai bambini che, dopo averlo provato, difficilmente ritornano a Paint!

L'ultima versione stabile rilasciata è la 0.9.21 del 31/07/2009 e puoi scaricarla gratuitamente da questa pagina (è molto leggero, pesa solo 10,3 mb) oppure puoi chiedere il CD al costo di solo € 6,99.

Screenshots in altre lingue e istruzioni per il download in questa pagina.


Screenshots





Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:





Ultimi post pubblicati

Vacanze    TUI.it

Universo Linux


FuzzyOCR è un plugin molto utile specie contro le nuove tattiche ideate dagli spammer

mercoledì 18 novembre 2009

FuzzyOcr è un plugin di spamassassinspamassassin grazie al quale è possibile individuare determinate parole all' interno di una gif

E' molto utile specie contro le nuove tattiche ideate dagli spammer, quelle in cui viene mandata una mail dal testo apparentemente "innocente" e in cima, a metà, o al fondo, viene applicata una bella immagine (nel 90% dei casi una gif) contenente della pubblicità.

In questo caso spamassassinspamassassin può fare ben poco contro questo tipo attacco appunto perchè si limita ad esaminare la mail e non l' allegato. A questo punto entra in gioco il nostro pluginplugin che esaminerà l' allegato e se troverà certi termini pre-impostati lo segnalerà come spam.

L' installazione è abbastanza semplice, si deve tenere presente però che vi sono dei requisiti da soddisfare affinchè tutto funzioni per il meglio.


Prerequisiti

Sono necessari i seguenti pacchetti per l' installazione di FuzzyOcr:

[1]SpamAssassin, versione 3.1.4 o superiore
[2]NetPBM Tools, preferibilmente la versione 10.xx o superiore
[3]ImageMagick
[4]GifLib/Libungif
[5]Gocr, preferibilmente la versione 0.40

ed infine, un modulo perl

[6]String::Approx

Installazione

Scaricate il pacchetto (consiglio la versione stable) da questo link

Unzippate il paccetto precedentemente scaricato

Copiate i files FuzzyOcr.cf e FuzzyOcr.pm in /etc/mail/spamassassin

Date uno sguardo al file FuzzyOcr.cf con il vosto editor preferito e abbiate cura di modificare eventuali path che nel vostro sistema risultano differenti.

Preparate il file FuzzyOcr.words (sempre nella directory /etc/mail/spamassassin) all' interno del quale scrivete le parole che devono essere indentificate all' inteno della gif (c'è già un file FuzzyOcr.words.sample che contiene un buon numero di parole: se volete, potete usare quello avendo cura di rinominarlo in FuzzyOcr.words)

Configurazione

Diamo uno sguardo ad alcune voci riportate nel file di configurazione FuzzyOcr.cf:

focr_verbose 2 setta il livello di log (consigliato a 2) Deve essere "scommentato"

focr_logfile /etc/mail/spamassassin/FuzzyOcr.log path del file di log.Deve essere "scommentato"

focr_global_wordlist /etc/mail/spamassassin/FuzzyOcr.words percorso del file che contiene le parole da rintracciare. Deve essere "scommentato"

focr_scansets $gocr -i -, $gocr -l 180 -d 2 -i - è la modalità con cui eseguirà lo scan. Deve essere "scommentato"

Il resto della configurazione andrebbe analizzato in base alle singole esigenze di ciascuno. Per tanto commentate e/o scommentate le voci che ritenete opportune.

Un parametro invece, a mio avviso fondamentale, è:

focr_enable_image_hashing 1

Naturalmente oltre a questo parametro, per poter utilizzare questa funzionalità occorre abilitare anche:

focr_digest_db /tmp/FuzzyOcr.hashdb (il file che userà come db)

focr_hashing_learn_scanned 1

Questi parametri permettono di abilitare una specie di database (su file in realtà) dove vengono memorizzate tutte le immagini precedentemente segnalate come spam. Quando FuzzyOcr è in dubbio se classificarla come spam o meno, controlla in questo file se è già presente o meno e nel caso affermativo la contrassegnerà come spam viceversa, la lascierà passare.

Ora che avete terminato la configurazione, potete riavviare spamassassin.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:




Ultimi post pubblicati

Vacanze    TUI.it

Universo Linux

Ubuntu 9.10 Karmic Koala: tutti i programmi dedicati al web software, seconda puntata

lunedì 16 novembre 2009

Tutti i programmi dedicati al web software presenti nella nuova release targata Ubuntu: Karmic Koala.

In questa seconda puntata dal navigatore più popolare GreaseMonkey a IceWeasel ad altri un po' meno conosciuti ma non meno validi come abrowser ed altri comandi e utility.

Un Web server non è altro che un software installato in un server con la funzione di elaborare pagine web e generare dinamicamente contenuti.

Le semplici pagine .htm non necessitano di particolari interventi da parte del Web server, il loro codice viene interpretato dal browser del computer client e per questo l'html è definito come un linguaggio client side. Le pagine .php o .asp, contengono dei codici destinati a produrre dei comportamenti e a generare dinamicamente html, perchè ciò sia possibile è necessaria la mediazione di un Web server; PHP e ASP vengono quindi definiti linguaggi server side.

Esemplificando, quando si invia ad un Web server la richiesta di una pagina .htm, statica, esso:
  1. riconosce la richiesta
  2. cerca e, se presente, trova la pagina nel computer server
  3. invia la pagina al browser.
Nel caso di una pagina dinamica, invece, il Web server:
  1. riconosce la richiesta
  2. cerca e trova la pagina all'interno del server Web
  3. esegue le istruzioni contenute all'interno del codice producendo dinamicamente contenuti
  4. invia la pagina browser.
La differenza salta immediatamente agl'occhi.


gallery (1.5.9-1.2ubuntu1) [universe]
a web-based photo album written in php
gallery2 (2.3-1ubuntu1) [universe]
web-based photo album written in PHP
gearman (0.10-2) [universe]
A distributed job queue
gearman-job-server (0.10-2) [universe]
Job server for the Gearman distributed job queue
gears (0.5.32.0~svn3391+dfsg-0ubuntu1) [universe]
Browser extension that enables more powerful web applications
glpi (0.71.6-1) [universe]
IT and Asset management software
Gollem è un file manager che permette agli utenti di gestire in maniera più che completa un file system gerarchico.
Gollem è un file manager web based che permette agli utenti di gestire in maniera più che completa un file system gerarchico che sia immagazzinato in una varietà di backends come in un database SQL, in un file system reale o server FTP.

Il prodotto sviluppato da Horde, un'organizzazione che ha lo scopo di produrre applicazioni open source di alta qualità, utilizza l'Horde MIME_Viewer framerwork per individuare i diversi tipi di file, eseguire l'associazione delle icone ed altre attività.

gosa (2.5.19-1) [universe]
Web Based LDAP Administration Program
gosa-desktop (2.5.19-1) [universe]
Desktop integration for GOsa
gosa-help-de (2.5.19-1) [universe]
German online help for GOsa
gosa-help-fr (2.5.19-1) [universe]
French online help for GOsa
gosa-help-nl (2.5.19-1) [universe]
Dutch online help for GOsa
gosa-schema (2.5.19-1) [universe]
LDAP schema for GOsa
gracie (0.2.8-1ubuntu1) [universe]
OpenID server for local PAM accounts
greasemonkey (0.8.20090123.1-0ubuntu3) [universe]
firefox extension that enables customization of webpages with user scripts
gtml (3.5.4-2) [universe]
An HTML pre-processor
hiki (0.8.7-3) [universe]
Wiki Engine written in Ruby
hindent (1.1.2-8) [universe]
Reformats HTML code
hobix (0.5~svn20070319-4) [universe]
flexible generation of static blogs
horde-sam (0.1+cvs20080316-1) [universe]
spam module for Horde Framework
horde3 (3.3.4+debian0-1) [universe]
horde web application framework
hsc (0.934-1ubuntu2) [universe]
html sucks completely, a developer tool for HTML projects
htcheck (1:1.2.4~rc1-1ubuntu1) [universe]
Utility for checking web site for dead/external links
htcheck-php (1:1.2.4~rc1-1ubuntu1) [universe]
Simple php interface to database generated by ht://Check
htdig (1:3.2.0b6-8) [universe]
web search and indexing system - binaries
html2text (1.3.2a-14)
advanced HTML to text converter
html2wml (0.4.11-1) [universe]
converts HTML pages to WML (WAP) or i-mode pages
htmldoc (1.8.27-4)
HTML processor that generates indexed HTML, PS, and PDF
htmldoc-common (1.8.27-4)
Common arch-independent files for htmldoc
htp (1.16-3) [universe]
An HTML pre-processor
httperf (0.9.0-1) [universe]
An HTTP server performance tester
httrack (3.43.5-1ubuntu1) [universe]
Copy websites to your computer (Offline browser)
hypermail (2.2.0.dfsg-2) [universe]
Create HTML archives of mailing lists
iceape (1.1.17+nobinonly-0ubuntu1) [universe]
dummy upgrade package for the SeaMonkey Internet Suite
iceape-browser (1.1.17+nobinonly-0ubuntu1) [universe]
dummy upgrade package for SeaMonkey Navigator
iceape-calendar (1.1.17+nobinonly-0ubuntu1) [universe]
dummy upgrade package for SeaMonkey Navigator
iceape-dbg (1.1.17+nobinonly-0ubuntu1) [universe]
dummy upgrade package for SeaMonkey Debug package
iceape-dev (1.1.17+nobinonly-0ubuntu1) [universe]
dummy upgrade package for SeaMonkey SDK
iceape-dom-inspector (1.1.17+nobinonly-0ubuntu1) [universe]
dummy upgrade package for the DOM Inspector for the SeaMonkey Internet Suite
iceape-gnome-support (1.1.17+nobinonly-0ubuntu1) [universe]
dummy upgrade package for SeaMonkey Gnome Support
icedtea-gcjwebplugin (1.0-1ubuntu4) [universe]
Java plugin based on IcedTea and gcjwebplugin (transitional package).
icedtea6-plugin (6b16-1.6.1-3ubuntu1) [security]
web browser plugin based on OpenJDK and IcedTea to execute Java applets
dummy transitional package for ScrapBook
IceWeasel (adesso IceCat) del tutto simile a Firefox, è compatibile con la maggior parte dei suoi plugin

IceWeasel è il nome delle versioni Debian e GNU (quest'ultima è stata rinominata IceCat) del web browser Mozilla Firefox. Il programma costituisce un fork del notissimo browser Firefox che implementa delle modifiche volte a renderlo assolutamente compatibile con le specifiche del progetto GNU.

Il software Mozilla è sempre stato considerato Software Libero, fino a quando il team di sviluppo del progetto Debian non ha verificato l'incompatibilità delle politiche sul diritto d'autore seguite dal team Mozilla.

Nello specifico il team di Mozilla ha dichiarato che chiunque intenda distribuire il software prodotto da loro usando i nomi originali è tenuto ad usare solo i loghi e i marchi originali (che sono marchi registrati), senza inoltre poter includere modifiche al programma che non siano state approvate del team di sviluppo ufficiale.

Poiché queste regole contrastano con le politiche sul software seguite dal progetto Debian (che infatti distribuiva il software Mozilla usando loghi diversi da quelli ufficiali), si è accesa inizialmente un'animata discussione sulla vicenda, che ha portato alla nascita di un "fork" specifico per risolvere la questione (qualcuno ha ironicamente chiamato l'evento "scisma").
igal2 (2.0-2) [universe]
online image gallery generator
ikiwiki (3.14ubuntu1) [universe]
a wiki compiler
ilohamail (0.8.14-0rc3ubuntu4) [universe]
Light weight yet full featured multilingual web-based IMAP/POP3 client
imageindex (1.1-1) [universe]
generate static HTML galleries from images
imaptool (0.9-9) [universe]
A tool for creating client-side image maps
imgsizer (2.7-3) [universe]
Adds WIDTH and HEIGHT attributes to IMG tags in HTML files
imp4 (4.3.4+debian0-1) [universe]
webmail component for horde framework
indywiki (0.9.9.1-4ubuntu1) [universe]
visual Wikipedia browser
ingo1 (1.2.1-1) [universe]
email filter component for Horde Framework
interchange (5.6.1-2) [universe]
e-commerce and general HTTP database display system
interchange-cat-standard (5.6.1-2) [universe]
Standard store, a sample Interchange catalog
interchange-ui (5.6.1-2) [universe]
Interchange administration interface (UI)
ip2host (0.09-4) [universe]
Resolve IPs to hostnames in web server logs
ipplan (4.91a-1.1) [universe]
web-based IP address manager and tracker
itsalltext (1.3.1-1ubuntu1) [universe]
Firefox extension to edit textareas using an external editor

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:




Ultimi post pubblicati

Vacanze    TUI.it

Universo Linux

Open Clip Art Library è un archivio o raccolta di oltre 10.000 clipart vettoriali gratuite, contributo di oltre 1.000 artisti

Open Clip Art Library è una raccolta di clip art che puoi usare liberamente nei tuoi documenti, siti e tutto quello che vuoi.

Tutte le immagine sono rilasciate sotto libera licenza e in formato Scalable Vector Graphics (SVG), con thumbnail in formato Portable Network Graphics (PNG) per una rapida anteprima.

Nella sezione “Extra” trovi uno script per convertire tutte le clipart in formato PNG e un plugin per OpenOffice.org per importarle dal formato SVG.

Il progetto è nato nel 2004 dagli sviluppatori di Inkscape, Jon Phillips e Bryce Harrington, per agevolare la realizzazione e condivisione delle bandiere del mondo. Progressivamente poi il progetto si è esteso i alle generice clipart, raggiungendo ad oggi 12.547 immagini da più di 1.000 artisti, tutte scaricabili liberamente.

Gli utenti generalmente impiegano immagini per decorare il desktop, stampare un documento con un determinato stile, assemblare una postazione di lavoro, sviluppare un progetto Web, ecc. Tuttavia, molti non hanno nozioni di disegno o semplicemente non hanno tempo.

Open Clip Art Library è il pacchetto ideale per tutti gli utenti e, le immagini e le icone che contiene sono perfettamente catalogate: animali, edifici, istruzione, piante, scienza, loghi, computer e alimenti sono alcune delle categoria incluse in questo fantastico pacchetto.

La pagina del download per Ubuntu.

Screenshots




Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
reeder

SidPlay, la possibilità di sincronizzare la propria libreria di SID con gli archivi dell’High Voltage SID Collection (HVSC)

venerdì 13 novembre 2009

Sidplay è un lettore musicale per Mac OS X e sistemi Unix in grado di riprodurre perfettamente le musiche scritte per il Sound Interface Device ovvero il chip audio montato sul C64 (in breve SID).

Il programma è arrivato alla versione 4.2.1 e offre oltre ad un’interfaccia molto iTunes like la possibilità di sincronizzare la propria libreria di SID con gli archivi dell’High Voltage SID Collection (HVSC) che oggi rappresenta la più grande e completa raccolta di SID music su Internet.


Screenshots













Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:


Ultimi post pubblicati

Vacanze    TUI.it

Universo Linux


Web Publishing in Ubuntu 9.10 Karmic Koala: Drupal, Word Press, Joola, Scribus e Plone

venerdì 6 novembre 2009

Drupal (pubblicazione in rete di contenuti)

Ultime versioni stabili rilasciate: 6.14 e 5.20

Drupal è la fonte principale open-creazione di siti web e strumenti di collaborazione di contenuti.

Un approccio modulare per costruzione dei siti web, dal semplice out-of-the-box siti web a siti complessi tutto è possibile con una breve curva di apprendimento.

Drupal è un content management framework, content management system (CMS) modulare scritto in linguaggio PHP e distribuito sotto licenza GNU GPL. Un CMS è uno strumento usato dai webmaster per gestire un sito web evitando di dover programmare l'intero software lato server che gestisce il sito. Molti CMS contemporanei, compreso Drupal, offrono un'interfaccia di amministrazione con cui l'amministratore può gestire ogni aspetto del sito web, senza il bisogno di possedere conoscenze tecniche particolari.

Drupal funziona su diversi sistemi operativi, tra cui Windows, Mac OS X, Linux e qualsiasi piattaforma che supporti i web server Apache (versione 1.3 o superiore) o IIS (versione 5 o superiore) e PHP (versione 4.3.3 o superiore). Drupal utilizza un database per memorizzare i contenuti, e necessita dunque di un software come MySQL e PostgreSQL che sono gli unici DBMS al momento supportati. I requisiti dettagliati sono disponibili sul sito ufficiale di Drupal

Drupal richiede l'installazione di un server LAMP stack, se non l'hai già installato LAMP, verrà installato insieme a Drupal 6.

Al alcuni può risultare più facile utilizzare il database MySQL (la "M" in LAMP), ma Drupal6 può anche integrarsi con PostgreSQL, se lo avete installato.

Drupal è disponibile come pacchetto, o dal terminale da linea di comando digitare:

sudo apt-get install drupal6

Dopo che tutto è installato, riavviare il server apache2:

sudo / etc/init.d/apache2 restart

Completare l'installazione attraverso il browser:

http://localhost/drupal6/install.php

Si può poi anche vedere questi suggerimenti per l'installazione attraverso il browser.

Installazione quirks

libgd2-xpm

Quando ho installato il mio server Ubuntu, ho installato libgd2-noxpm. Questa è una libreria grafica (senza X pixmap (XPM) o la configurazione dei caratteri (fontconfig) di sostegno). Tuttavia, Drupal richiede libgd2-xpm, che viene utilizzato al posto di libgd2-xpm. Rimozione libgd2-xpm non sembra essere banale, però. Non riuscivo a rimuoverlo con apt, Adept, o KPackageKit.

Tuttavia, Synaptic Package Manager viene visualizzato per rimuovere libgd2-noxpm successo, e quindi libgd2-xpm può essere installato.

Exim vs Postfix

Exim e Postfix sono gestori di posta elettronica. Avevo installato Postfix, al momento ho installato il mio server Ubuntu (ma non lo usava). Ma Drupal utilizza Exim ed elimina quindi Postfix in fase di installazione e installa Exim invece. Pertanto, è meglio non usare Drupal su un server di posta che utilizza Postfix.



WordPress

Ultima versione stabile rilasciata: 2.8.5 (in italiano). La versione di WordPress 2.8.5 è ora disponibile sia per il download che come aggiornamento automatico. Si tratta di una versione di mantenimento che corregge alcune falle di sicurezza emerse durante lo sviluppo della versione 2.9 rimaste “scoperte” dopo l’ultima modifica.

Le principali modifiche di questa versione sono:

  • Una correzione per l’attacco di Denial-of-Service via Trackback che si è verificato nei giorni scorsi su molti siti.
  • Rimozione di aree nelle quali il veniva valutato del codice contenuto in variabili php.
  • Eliminazione dei due importatori di tag di vecchi plugin non più in uso.

WordPress è una piattaforma di "personal publishing" e content management system, scritta in PHP e che usa come database MySQL, che consente la creazione di un blog personale. Creata da Matt Mullenweg, è distribuita con la licenza GNU General Public License.

Ogni versione del programma è dedicata ad un musicista jazz.

WordPress supporta un solo blog per installazione ma ne esiste una versione multi-utente, WordPress MU, anch'essa distribuita con la stessa licenza.

WordPress è iniziato come uno strumento di blog e ora incorpora elementi editrici. Per i blogger e le piccole e medie dimensioni siti web, WordPress prevede l'installazione più veloce e il processo di personalizzazione con molti moduli. WordPress richiede l'installazione di un server LAMP stack prima. Quindi installare:

sudo apt-get install wordpress

Creare un link simbolico dalla cartella www Apache2 alla vostra cartella di installazione e installare un database MySQL nuovo chiamato localhost da utilizzare con WordPress:

sudo ln-s / usr / share / wordpress / var / www / wordpress sudo bash / usr / share / doc / wordpress / esempi / setup-mysql-localhost wordpress n

Nota: Se si conosce già il nome del (virtuale) URL di accoglienza per WordPress, quindi utilizzarlo come nome del database al posto di localhost. Ad esempio, il mio URLmysite_x.homeserve.org quindi il mio comando è:

sudo bash / usr / parti / doc / wordpress / esempi / setup-mysql-n wordpress mysite_x.homeserve.org

Se si vuole accedere al server di WordPress attraverso un host virtuale, quindi creare il file di configurazione dell'host virtuale nella cartella / etc/apache2/sites-available. Una volta che avete modificato il file, fare un link simbolico nella cartella / etc/apache2/sites-enabled.

Riavviate Apache2:

sudo / etc/init.d/apache2 restart

Installare WordPress attraverso un browser:

http://localhost/wordpress

o, se si utilizza un host virtuale:
http:/mysite_x.homeserve.org / wordpress

Nota: I repository Jaunty contengono la versione 2.7.1, che è oggetto di un worm di sicurezza. Se si installa questa versione, si prega di aggiornare immediatamente alla versione corrente di Strumenti -> menu Upgrade. (In alternativa, installare la versione corrente di origine dal sito web.)

Per l'aggiornamento automatico al lavoro, tutti i file di WordPress, le cartelle e le sottocartelle devono essere di proprietà di www-data (che è anche il proprietario del processo di apache2) prima di aggiornare.

sudo chown-R www-data / usr / share / wordpress





Joomla (pubblicazione in rete di contenuti)

Joomla! è un software di content management per siti web, realizzato completamente nel linguaggio PHP. È pubblicato con licenza open source GNU GPL v.2.

È nato nel settembre 2005 da una scissione (fork) dal codice del CMS Mambo; attualmente è in rapido sviluppo, sotto la guida di un gruppo di sviluppatori (per buona parte ex-sviluppatori di Mambo) riuniti nell'associazione no-profit Open Source Matters

Joomla è un potente software a codice aperto per la creazione di siti web e tool di gestione dei contenuti che permette la creazione di sito web per l'utilizzo in ogni campo dagli ambienti semplici ai più complessi aziendali.

Una volta installato apache, php e mysql ti scarichi il tar di joomla, vai sotto /var/www/http/
fai un bel
tar xzvf /percorsodelfile/Joomla.tar.gz

poi fai mv Joomla-etc-etc Jomla (per rinominare la directory)

quindi vai sul browser e apri http://localhost/Joomla

Disponibile la versione localizzata in italiano per Joomla 1.5.15 nell'area download.


Scribus (desktop publishing)

Ultima versione stabile rilasciata: 1.3.5.1

Scribus è un'applicazione libera di desktop publishing (DTP). Ad oggi, è distribuito per i sistemi operativi GNU/Linux, Unix, Mac OS X, OS/2 e Windows.

Esempi d'utilizzo includono produzione di newsletters, piccoli quotidiani e presentazioni in PDF interattive e animate. Altri utilizzi includono la realizzazione di materiali aziendali, volantini, piccoli poster, e altri documenti che richiedono un layout flessibile. Scribus è stato utilizzato per produrre interi libri.

Scribus supporta molti dei formati grafici più diffusi, oltre al formato SVG. Altre caratteristiche includono il supporto dei colori CMYK, la gestione dei colori ICC e script (programmabilità tramite macro) in linguaggio Python. Scribus è disponibile in più di 24 lingue.

La stampa è effettuata tramite un driver interno Postscript livello 3, che supporta il font embedding (inclusione dei caratteri nel documento) per font TrueType, Type 1 e OpenType. Il driver interno supporta pienamente la sintassi del Postscript livello 2 e la maggior parte dei comandi del livello 3.

Il supporto al PDF include la trasparenza, il supporto alla crittazione e buona parte delle specifiche del formato PDF 1.4, inclusi i form PDF interattivi, le annotazioni e i bookmark.

Il formato dei file è basato sull'XML ed è pienamente documentato; supporta il formato standard OpenDocument.


Scribus è disponibile come pacchetto, o dal terminale da linea di comando digitare:

sudo apt-get install scribus


Plone (Content Management System)

Ultima versione stabile rilasciata: 3.3.1

Plone è un Content Management System (o CMS), ovvero un sistema di gestione dei contenuti multipiattaforma, basato sul server per applicazioni web Zope e sul linguaggio di programmazione Python.

Plone
è rilasciato sotto licenza GPL, si tratta quindi di un software completamente gratuito, che può essere scaricato e usato liberamente.

Plone è molto versatile e permette di condividere informazioni in modo facile e rapido su rete locale o globale. Consente di creare, modificare, aggiornare e gestire i contenuti di un sito internet, di una rete intranet o di altre applicazioni per il web senza avere particolari conoscenze tecniche.

Si tratta di un software estensibile, user-friendly, facile da usare, produttivo e personalizzabile per quanto riguarda la grafica: un sito Plone appena installato appare come nello screenshot più in basso, il sito ufficiale Plone.org dà un esempio di template personalizzato.

L'aspetto "Monobook" di MediaWiki è ispirato in parte ai fogli di stile di Plone.

Verificare la versione di Python installata nel pc digitando da terminale: python





  • Scaricare il pacchetto per Linux da http://plone.org/products/plone
  • Creare una cartella nuova, ed estrarre il suddetto file compresso. Entrare all'interno della cartella scompattata
  • Leggere con attenzione il file README.txt nella sezione For a non-super-user (rootless) installation
  • Ricordando che l'installazione deve essere sempre fatta da User e MAI da Root, aprite un terminale e lanciate lo script d'installazione con questo comando
./install.sh standalone
  • Installare eventuali pacchetti e librerie richieste per soddisfare tutte le dipendenze, con il comando
apt-get install (nomepacchetto)
  • Al termine dell'installazione di Plone, verrà generato un file che conterrà user & password per accedere al server
  • Leggere il file adminPassword.txt che trovate col seguente percorso:
/home/mionome/Plone-3.0.5/zinstance

Accesso al server Zope

  • Prima di avviare Plone, si devono configurare i settaggi dei file, aprendo un terminale e digitando:
/home/mionome/Plone-3.0.5/zinstance/etc/zope.conf
  • Per avviare il server Zope, aprite un terminale e digitate:
/home/mionome/Plone-3.0.5/zinstance/bin/zopectl start
  • Aprire Firefox e nella barra degli indirizzi digitare http://localhost:8080/manage. Il server Zope infatti parte sulla porta 8080 e se la si vuole cambiare:
/home/mionome/Plone-3.0.5/zinstance/etc/zope.conf
  • A questo punto si aprirà una finestra in cui si devono inserire user e password che si trovano all'interno del file adminPassword.txt
  • Infine se si vuole chiudere il server Zope, uscire dal browser e da terminale, digitare:
/home/mionome/Plone-3.0.5/zinstance/bin/zopectl stop

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:


Ultimi post pubblicati

Vacanze    TUI.it

Universo Linux


Ultimi post pubblicati

I miei preferiti

Scarica Curriculum Segnala Feed WebShake – tecnologia Subscribe using FreeMyFeed border="0" alt="iFeed" /> Aggregatore di blog Aggregatore Blogstreet - dove il blog è di casa Vero Geek iwinuxfeed.altervista.org Paperblog Add to Technorati Favorites Directory dei blog italiani BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Feed XML offerto da BlogItalia.it BlogNews Il Bloggatore web counter Feedelissimo intopic.it