Come pulire Debian: CheckInstall deb da sorgenti.

Introduzione.

Dopo qualche mese di utilizzo di una Linux box, spesso si notano dei sostanziali rallentamenti. Magari abbiamo passato questi periodi installando e disinstallando applicazioni, provando programmi e configurazioni ed il sistema risente un po' di queste 'esperienze'. In questo HowTo vedremo di analizzare una soluzione molto comoda (sicuramente molto di più di quella classica di formattare e ricominciare da capo) per rimettere in sesto la nostra amata Debian.

 

Prevenire è meglio che curare.

Penso che sia una cosa certa: poter lavorare su un sistema 'pulito' e 'pulibile' è sicuramente più comodo e divertente che su uno 'sporco' e mal gestito, soprattutto quando si tratta di pulizia o di interventi sul sistema! Iniziamo con la rassegna di applicazioni utili.

debian-logo

CheckInstall: deb da sorgenti.

Checkinstall è una utilità che permette di creare dei pacchetti Debian partendo da sorgenti. Attenzione, però: non sono pacchetti completi, ma semplicemente aiutano a tenere traccia dei file installati dal programma, facilitando l'aggiornamento e la rimozione dello stesso. Iniziamo con l'installazione:

# apt-get install checkinstall

L'utilizzo è molto semplice ed intuitivo: la configurazione dei sorgenti (./configure --some-options) e la compilazione (make) devono venir svolte, mentre il comando

# make install

deve essere sostituito da:

# checkinstall

Ed il gioco è fatto! Durante l'esecuzione del programma verranno poste alcune domande, ad esempio il tipo di pacchetto (il programma permette di creare pacchetti deb, rpm, tgz (usati da Slackware)). Sono disponibili, opzionalmente, le seguenti direttive (anche se non mi è mai capitato di doverne fare uso):

-y, --default

accetta i valori di default (modalità non interattiva)
--pkgname=name
imposta il nome del pacchetto
--pkgversion=version
imposta la versione
-A, --arch, --pkgarch=arch
imposta l'architettura
--pkgrelease=release
imposta la release version
--pkggroup=group
imposta il gruppo a cui il pacchetto deve appartenere (doc, games, net, ecc)
--pakdir=directory
dove salvare il pacchetto
--maintainer=email_addr
il maintainer del pacchetto
--dpkgflags=flags
eventuali flag da passare a dpkg
--bk
esegue un backup dei file che verranno sovrascritti

Una volta completato il processo, il pacchetto verrà automaticamente installato.

Info.png

Nota Bene
Nel file di controllo del pacchetto non vengono segnate eventuali dipendenze, sostituzioni e/o conflitti, in quanto lo scopo di checkinstall è quello di tenere traccia dei file generati, e non di creare un pacchetto Debian ufficiale. Per questo motivo il pacchetto così creato non va redistribuito ma semplicemente utilizzato per uso personale!

Questa è la premessa per poter avere un sistema pulito, senza file 'orfani' che gironzolano per il sistema.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

reeder

Luca Soraci

Luca Soraci

Ubuntu giunge alle nostre orecchie solo perché è stato mutuato come nome per un sistema operativo di successo; lo abbiamo sentito nei discorsi di Mandela, del vescovo Tutu, ed è uno dei concetti fondanti di quel movimento di rinascimento che vuole far fiorire il continente africano al di sopra delle difficoltà attuali.

Nessun commento:

Posta un commento

Powered by Blogger.