La GNU GPL non è sempre accondiscendente; dice di "no" ad alcune delle cose che a volte la gente vuole fare. Alcuni utenti affermano che sia negativo il fatto che la GPL "escluda" alcuni sviluppatori di software proprietario che "hanno bisogno d'essere portati nella comunità del software libero." Ma non siamo noi ad escluderli dalla nostra comunità; sono loro che scelgono di non entrare. Decidere di produrre software proprietario equivale a decidere di starne fuori. Esservi dentro significa cooperare con noi; non possiamo "portarli nella nostra comunità" se non vogliono unirsi a noi. Ciò che possiamo fare è offrire un incentivo ad unirsi a noi. È per far sì che il nostro software già prodotto sia un incentivo che la GNU GPL è stata pensata: "Se renderete il vostro software libero, potete utilizzare questo codice". Di certo in questo modo non si vincerà sempre, ma qualche volta sì. "Richard Stallman"

macbuntu, cinelerra, cinnamon, lmms, ubuntu, linux Debian, Linux Ubuntu, software libero Gnome Media Player, Multimedia, Audio, Video, Linux, Ubuntu ubuntu 13.04, raring ringtail, linux Kubuntu, KDE, Ubuntu Valve Steam, giochi, Linux, Ubuntu QTOctave, MatLab, programmazione, Linux, Ubuntu Google Calendar, Office, Ubuntu, Linux infografica, email, posta elettronica, messaggistica, Ubuntu, Linux Gnome 3 shell, ambiente grafico, Ubuntu, Arch Linux

Estensioni SEO per FireFox

martedì 30 ottobre 2007

È finalmente disponibile una estensione per Mozilla Firefox che calcola il pagerank Google della pagina corrente e lo visualizza sulla barra di status.

Il sito di sviluppo di questa estensione dove segnalare eventuali bug o miglioramenti è su mozdev.org.

L'ultima versione risale a:

2007-04-19:
v0.9.8: code fixed (bug not displaying pagerank), cleaned and repacked for FF 1.5-2.0+


Chi ha un sito web o un blog non può certo non conoscere il search engine optimization cioè l’insieme di tutte le attività svolte per migliorare il posizionamento di una pagina web nei risultati forniti da un motore di ricerca. Proprio per questo oggi vi propongo alcune estensioni SEO per FireFox trovate su un articolo di geekissimo
  • SEO Hand: Ci da il valore del PageRank, traccia i dati del sito, crea dei grafici
  • RankQuest: Accesso a 30 strumenti utili al SEO
  • Keyword generator: Visualizza le principali keyword di un sito
  • Niche Watch: Mostra tecniche utili al miglioramento della posizione dei siti
  • SEO for Firefox: Estensione per il controllo di tutti i parametri SEO
  • SeoQuake: Consigli per il posizionamento dei siti su i maggiori motori di ricerca
  • Total Validator: Controlla se un sito rispetta gli standard W3C
  • Firebug: Visualizza gli errori nei codici CSS, HTML e Javascript
  • User Agent Switcher: Permette di cambiare l’user agent del browser
  • SearchStatus: Visualizza pagerank, keyword, informazioni Alexa

FEBE, backup dei segnalibri in Firefox

sabato 27 ottobre 2007

febe-logo

Firefox è considerato uno dei migliori browser in circolazione ed una piccola parte di merito si deve a FEBE.

Perchè?

Se fino a poco tempo fa un cambio di PC era soggetto alla perdita delle vecchie informazioni memorizzate in Firefox (estensioni, bookmarks, cookies .. ) e solo un utente con un minimo di conoscenza informatica poteva recuperarle, ora la situazione si è capovolta.

Febe realizza il backup delle estensioni, temi, bookmarks, preferences, cookies, plugins, history e tanto altro ancora (immagine 1)

febe - 1

Utilizzo:

Posizioniamoci a questo indirizzo, installiamo FEBE e riavviamo Firefox.
Scegliamo le opzii backup (immagine 1), cartella di destinazione del backup (immagine 2) e premiamo OK.

febe - 2

Non resta che installare Firefox e Febe sul computer di destinazione.


Un esempio del BackUp effettuato da FEBE, dove ha riscontrato due errori:


Risultati di Firefox Extension Backup Extension
versione 5.0
da: Chuck Baker
2 avviso/i riscontrato/i
Impossibile effettuare il backup del file userChrome.css!
Impossibile effettuare il backup del file userContent.css!

Rilevazione degli errori attivata...
Singoli file batch trovati nella cartella /tmp/febe.tmp

Elementi analizzati: 13 in totale (Create in: /home/hugo/BackUp Firefox (FEBE)/FEBE 2007 10-27 18.15.03)

Estensioni salvate: (9 in totale) - indica un'estensione disattivata dall'utente

1. BookmarkBackup{0.4.2} GUID {3474c305-9dad-11d8-9207-00055d74c2e4}
2. Dizionarioitaliano{3.0} GUID it-IT@dictionaries.addons.mozilla.org
3. DownThemAll{0.9.9.10} GUID {DDC359D1-844A-42a7-9AA1-88A850A938A8}
4. FEBE{5.0} GUID {4BBDD651-70CF-4821-84F8-2B918CF89CA3}
5. Fasterfox{2.0.0} GUID {c36177c0-224a-11da-8cd6-0800200c9a66}
6. FireFTP{0.97.1} GUID {a7c6cf7f-112c-4500-a7ea-39801a327e5f}
7. Flashblock{1.5.4.1} GUID {3d7eb24f-2740-49df-8937-200b1cc08f8a}
8. VideoDownloader{1.1.1} GUID videodowloader@videodownloader.net
9. translator{1.0.4.3} GUID translator@dontfollowme.net

Nome usato per il backup dei segnalibri: bookmarks{default}.html
Nome usato per il backup delle impostazioni: prefs{default}.js
Nome usato per il backup dei cookie: cookies{default}.txt
Nome usato per il backup dei nomi utente e password: usernames-passwords{default}.fbu

Per le ultime informazioni visitare la pagina web di FEBE

Aggiornamento automatico

FEBE 5.0
Pagina iniziale di FEBE
Di: Chuck Baker

Congratulazioni! Firefox Environment Backup Extension è stata appena installata o aggiornata con successo

Se questa è una nuova installazione si dovranno impostare alcune opzioni prima di effettuare un backup accedendo al menu di Firefox Strumenti > FEBE > Opzioni di FEBE. L'unica opzione da impostare assolutamente è la Cartella di destinazione del backup nella scheda Cartelle, ma è possibile prendere visione delle molte altre opzioni disponibili

Se si sta aggiornando da una precedente versione di FEBE, è necessario ripristinare le opzioni predefinite accedendo dal menu di Firefox Strumenti > FEBE > Opzioni di FEBE alla scheda Rilevazione errori > Varie e facendo clic sul pulsante Ripristina le opzioni predefinite

Se è la prima volta che si utilizza FEBE o si incontrano problemi nell'effettuare backup, ecco alcuni link utili di riferimento:

Tutto il software presente in Ubuntu Gutsy Gibbon

venerdì 26 ottobre 2007

Nella nuova release di Ubuntu, Gutsy Gibbon offre una eccezionale quantità de programmi per ogni necessità.
Ecco tutto il software categoria per categoria:

Administration Utilities
Utilities to administer system resources, manage user accounts, etc.
Base Utilities
Basic needed utilities of every Debian system (you needn't install this, they're provided only for upgrading purposes).
Communication Programs
Software to use your modem in the old fashioned style.
Development
Development utilities, compilers, development environments, libraries, etc.
Documentation
FAQs, HOWTOs and other documents trying to explain everything related to Debian, and software needed to browse documentation (man, info, etc).
Editors
Software to edit files. Programming environments.
Electronics
Electronics utilities.
Embedded software
Software suitable for use in embedded applications.
Games
Programs to spend a nice time with after all this setting up.
GNOME
The GNOME desktop environment, a powerful, easy to use set of integrated applications.
Graphics
Editors, viewers, converters... Everything to become an artist.
Ham Radio
Software for ham radio.
Interpreters
All kind of interpreters for interpreted languages. Macro processors.
KDE
The K Desktop Environment, a powerful, easy to use set of integrated applications.
Library development
Libraries necessary for developers to write programs that use them.
Libraries
Libraries to make other programs work. They provide special features to developers.
Mail
Programs to route, read, and compose E-mail messages.
Mathematics
Math software.
Miscellaneous
Miscellaneous utilities that didn't fit well anywhere else.
Network
Daemons and clients to connect your Debian GNU/Linux system to the world.
Newsgroups
Software to access Usenet, to set up news servers, etc.
Old Libraries
Old versions of libraries, kept for backward compatibility with old applications.
Other OS's and file systems
Software to run programs compiled for other operating system, and to use their filesystems.
Perl
Everything about Perl, an interpreted scripting language.
Python
Everything about Python, an interpreted, interactive object oriented language.
Science
Basic tools for scientific work
Shells
Command shells. Friendly user interfaces for beginners.
Sound
Utilities to deal with sound: mixers, players, recorders, CD players, etc.
TeX
The famous typesetting software and related programs.
Text Processing
Utilities to format and print text documents.
Translations
Translation packages and language support meta packages.
Utilities
Utilities for file/disk manipulation, backup and archive tools, system monitoring, input systems, etc.
Virtual packages
Virtual packages.
Web Software
Web servers, browsers, proxies, download tools etc.
X Window System software
X servers, libraries, fonts, window managers, terminal emulators and many related applications.
Technorati Profile

Gestione delle reti

giovedì 18 ottobre 2007

Ubuntu networkingDopo aver testato per quache giorno la nuova Ubuntu 7.10 “Gutsy Gibbon”, posso iniziare a tirare le conclusioni sulla parte in cui ormai mi sono “specializzato” e quindi conosco un po’ meglio, la gestione delle reti.

Come in Feisty, è installato e attivo di default Network Manager, con la sua applet che si posiziona nella tray bar. Nonostante in Gutsy sia presente la versione 0.6.5, permangono tutti i disagi ed i problemi segnalati già su Feisty.
In particolare io trovo disarmante l’impossibilità di impostare IP statici, la noiosa gestione del portafoglio (che chiede la password ad ogni avvio), nonchè capire cosa stia facendo esattamente Network Manager in ogni momento. Rimane tutto oscuro all’utente…. ricorda un po’ troppo la modalità “Play & Pray” di Windows :)
Insomma, qui niente di nuovo. L’unica novità sta nella configurazione manuale…

Se vogliamo impostare la nostra rete manualmente, al posto di Network Manager possiamo affidarci al consueto “network-admin” di Gnome, accessibile dal menù Sistema -> Amministrazione -> Rete.

network admin di Gnome - Main tab
Ecco come si presenta il gestore reti di Gnome
Affinchè le interfacce di rete (sia wireless che wired) non siano più gestite in automatico da Network Manager, dobbiamo accedere alle proprietà di ciascuna interfaccia e deselezionare la casella in alto “Abilitare modalità roaming“.
In questo modo sarà possibile inserire i parametri di rete nei campi sottostanti.

network admin di Gnome - wireless
E qui le proprietà avanzate dell’interfaccia wireless

La vera e unica novità presente in Gutsy è la possibilità di inserire una passwordWPA Personal” o “WPA2 Personaldirettamente in questo pannello, senza dover smanettare con Wpa Supplicant e i suoi complicati file di configurazione. Ci penserà il nuovo network-admin ad inserire le giuste righe nel file /etc/network/interfaces, senza bisogno di ulteriori interventi dell’utente.

Per esempio, impostando nel pannello la modalità “WPA Personal” e salvando le modifiche, nel file /etc/network/interfaces vengono scritte queste righe:

  1. iface wlan0 inet dhcp
  2. wpa-psk <password in formato esadecimale>
  3. wpa-driver wext
  4. wpa-key-mgmt WPA-PSK
  5. wpa-proto WPA
  6. wpa-ssid AleWIFI
  7. auto wlan0

Il codice è abbastanza autoesplicativo. Vengono infatti inseriti tutti i parametri necessari a Wpa Supplicant (che rimane però nascosto ai nostri occhi) per connettersi alla rete.

In realtà questa nuova modalità di inserire i parametri per Wpa Supplicant direttamente nel file interfaces al posto del vecchio wpa_supplicant.conf era presente anche in Feisty, anche se poco conosciuta.
Infatti “giocando” con questi parametri è possibile impostare una grande varietà di opzioni ulteriori e altre modalità di connessione (LEAP, PEAP, EAP, TTLS..). Per una lista completa vi rimando a questo thread del forum internazionale di Ubuntu (in inglese).

In conclusione, almento un passo avanti è stato fatto… e la strada intrapresa ritengo sia quella giusta. Bisogna procedere verso un’integrazione totale e trasparente all’utente, che spesso si trova a disagio quando deve impostare una connessione a Internet, sopratutto wireless.

Certo, Network Manager è ancora troppo indietro. Sembrano aprirsi dei buoni spiragli nella futura versione 0.7 che è stata (giustamente) riscritta da zero per risolvere tutti i problemi di un progetto partito poco bene. Gli sviluppatori ne promettono delle belle…. staremo a vedere.


Per ora come gestore di reti integrato, WICD rimane insuperabile… ;)

Technorati Profile

Finalmente Gutsy Gibbon è con noi

martedì 16 ottobre 2007

Ed ecco finalmente che è arrivata la nuova release di Ubuntu, Gutsy Gibbon 7.10.

Tutte le novità direttamente dal sito ufficiale di Ubuntu

Ubuntu is a community developed operating system that is perfect for laptops, desktops and servers. Whether you use it at home, at school or at work Ubuntu contains all the applications you'll ever need, from word processing and email applications, to web server software and programming tools.

Ubuntu is and always will be free of charge. You do not pay any licensing fees. You can download, use and share Ubuntu with your friends, family, school or business for absolutely nothing.

We issue a new desktop and server release every six months. That means you'll always have the the latest and greatest applications that the open source world has to offer.

Ubuntu is designed with security in mind. You get free security updates for at least 18 months on the desktop and server. With the Long Term Support (LTS) version you get three years support on the desktop, and five years on the server. There is no extra fee for the LTS version, we make our very best work available to everyone on the same free terms. Upgrades to new versions of Ubuntu are and always will be free of charge.

Everything you need on one CD, which provides a complete working environment. Additional software is available online.

The graphical installer enables you to get up and running quickly and easily. A standard installation should take less than 25 minutes.

Once installed your system is immediately ready-to-use. On the desktop you have a full set of productivity, internet, drawing and graphics applications, and games.

On the server you get just what you need to get up and running and nothing you don't.

More about Desktop Edition »

More about Server Edition »

Get Ubuntu now »

What does Ubuntu mean?

Ubuntu is an African word meaning 'Humanity to others', or 'I am what I am because of who we all are'. The Ubuntu distribution brings the spirit of Ubuntu to the software world.

Ubuntu Desktop Edition

With Ubuntu Desktop Edition you can surf the web, read email, create documents and spreadsheets, edit images and much more. Ubuntu has a fast and easy graphical installer right on the Desktop CD. On a typical computer the installation should take you less than 25 minutes.

Desktop simplicity

When you start your system for the first time you'll see a desktop that is clean and tidy, no desktop icons, and a default theme that is easy on the eye.

Ubuntu 'Just Works'

We've done all the hard work for you. Once Ubuntu is installed, all the basics are in place so that your system will be immediately usable.

A complete office productivity suite

OpenOffice contains a user interface and feature set that is similar to other office suites, and includes all the key desktop applications you need, such as:

 Word processor - for anything from writing a quick letter to producing an entire book. More »

 Spreadsheet - a tool to calculate, analyse, and present your data in numerical reports or charts. More »

 Presentation - an easy, and powerful tool for creating effective multimedia presentations. More »

Edit and share files in other formats

Easily open, edit and share files with your friends that have Microsoft Office, Word Perfect, KOffice or StarOffice.

Quick and easy updates

The task bar contains an update area where we'll notify you when there are updates available for your system, from simple security fixes to a complete version upgrade. The update facility enables you to keep your system up-to-date with just a few clicks of your mouse.

A vast library of free software

Need more software? Simply choose from thousands of software packages in the Ubuntu catalogue, all available to download and install at the click of a button. And it's all completely free!

Help and support

You'll be able to find help using the desktop browser or online. If you have a question about using Ubuntu, you can bet someone else has already asked it. Our community has developed a range of documentation that may contain the answer to your question, or give you ideas about where to look.

This is also where you'll get access to free support from the Ubuntu community in the chat and mailing lists in many languages. Alternatively, you can purchase professional support from the Canonical Global Support Services Team, or local providers.

Ubuntu in your local language

Ubuntu aims to be usable by as many people as possible, which is why we include the very best localisation and accessibility infrastructure that the free software community has to offer.

More Features »

You can download Ubuntu, or request a free CD from Canonical.

System Requirements

Ubuntu is available for PC, 64-Bit and Mac architectures. At least 256 MB of RAM is required to run the desktop install CD. Install requires at least 4 GB of disk space

How can you get Ubuntu?

There are now three ways for you to get Ubuntu. Just choose the delivery option that works best for you:

Download now - Download the Ubuntu, Edubuntu or Kubuntu CD installer to your computer now.

Please note: the CD Installer is nearly 700M. If you don't have a fast internet connection you may want to consider requesting a CD.

Buy on CD or DVD - Buy a CD or DVD with Ubuntu, Edubuntu or Kubuntu CD, or a large number of CDs from a distributor near you. If you are in North America you can get Ubuntu and Kubuntu on DVD from Amazon.com.

Request a free CD - Request a free Ubuntu, Edubuntu or Kubuntu CD from Canonical.

  • Delivery typically takes 6-10 weeks
  • Use each CD as many times as you like - you are free to use it on as many computers as you wish and to pass on to others
  • Learn more by visiting the Shipit Questions page.

Richiedi i Cd di Ubuntu 7.10 Gutsy Gibbon

venerdì 12 ottobre 2007

È disponibile per lo scaricamento adesso o, meglio ancora, ordinare gratuitamente i CD di Ubuntu Gutsy Gibbon release 7.10 tramite Shipit.

Peccato che questa volta Canonical abbia limitato l'invio a non più di 2 Cd per utente (grazie tante ai furbi che chiedevano un grosso quantitativo e poi al posto di regalarlo agli amici lo vendevano su eBay)

Introduzione

Questa è la traduzione italiana della parte di FAQ ufficiali di Ubuntu dedicate al servizio di spedizione dei CD con le immmagini ISO del sistema.

Domande riguardanti il servizio di spedizione dei CD (ShipIt)

Spedite davvero i CD in maniera del tutto gratuita, e dove posso ottenerne uno?

Se non puoi effettuare il download dei CD, o semplicemente desideri i più attraenti CD stampati, noi possiamo spedirti copie stampate di CD di Ubuntu, Kubuntu ed Edubuntu senza alcun costo. Richiedi i CD presso uno di questi indirizzi:

Cos'è presente nei CD?

Tutti i CD attualmente contengono la versione 7.04, nome in codice di sviluppo «Feisty Fawn». Per ogni CD che ordini, ti spediremo un pacchetto contenente un singolo CD (live CD installer) in una custodia di cartone. Questo vale per i CD di tutte le architetture.

Quanti CD posso ordinare?

Quando effettui il login nel tuo account ShipIt, puoi scegliere fra un numero differente di opzioni standard. Puoi anche effettuare richieste speciali per quantità diverse, ma ti preghiamo di notare che questo richiederà più tempo. Considereremo le richieste particolari nel caso tu sia un insegnante che fornisce i CD ai suoi studenti oppure se hai intenzione di redistribuire i CD a una conferenza o un altro evento organizzato.

Quanto tempo richiede?

Risposta breve: 6-10 settimane. I tempi di spedizione possono variare considerevolmente in relazione a un ampio campo di fattori (quando ordini i CD, dove vivi nel mondo, la velocità delle consegne postali nella tua zona, ecc.). Questo indica, in buona approssimazione, che la consegna dovrebbe aver luogo almeno entro 6-10 settimane, ma in alcuni casi i CD verranno consegnanti in tempi sensibilmente più brevi. Se preferisci puoi invece scaricare delle immagini ISO e masterizzare i CD da te.

Condizione di richiesta del CD

Spediamo i CD su base settimanale. È possibile controllare se la richiesta è stata evasa effettuando l'accesso in ShipIt. Sfortunatamente non abbiamo informazioni supplementari e non possiamo tracciare gli ordini individualmente. Siamo spiacenti ma non possiamo fornire le informazioni sui diversi ordini, a meno che non siano state inviate in modo prioritario.

Scadenza per ordine dei CD?

Attualmente stiamo raccogliendo le richieste per la versione 7.04, nome in codice «Feisty Fawn». Se e quando decidiamo una scadenza per la versione 7.04, informeremo l'utenza tramite questa pagina e tramite il sito web.

Come posso ordinare più CD?

È possibile effettuare un nuovo ordine nel caso in cui il primo fosse già stato spedito. Poiché abbiamo risorse limitate, apprezzeremo se pensassi con attenzione al numero di CD da ordinare.

Potete spedirmi i CD di Kubuntu?

Abbiamo deciso di offrire anche i CD di Kubuntu 7.04. Puoi richiedere i CD di Kubuntu 7.04 presso: https://shipit.kubuntu.org.

Potete spedirmi i CD di Edubuntu?

Abbiamo deciso inoltre di offrire i CD di Edubuntu 7.04. Puoi richiedere i CD di Edubuntu 7.04 presso: https://shipit.edubuntu.org.

Potete spedirmi i CD con i sorgenti?

Normalmente non distribuiamo i CD con il codice sorgente e non puoi ordinarli tramite ShipIt. Detto questo, per aderire alla GPL, siamo felici di distribuire il CD con il codice sorgente a tutti quelli a cui abbiamo spedito un CD con i binari. Maggiore informazioni sono riportate scritte in piccolo sul retro di ogni CD. Il codice sorgente di tutto ciò che è presente sul CD è sempre disponibile all'indirizzo http://archive.ubuntu.com o può essere ordinato a Canonical al costo del supporto più quello per la spedizione.

Potete spedirmi i DVD?

I DVD di Ubuntu e Kubuntu sono disponibili per l'acquisto su Amazon.com, se vivi negli Stati Uniti. Stiamo lavorando per rendere i DVD disponibili ad un'area geografica più estesa ed in tal caso aggiorneremo il sito di ShipIt e questa pagina. Questi di seguito sono i link diretti ai prodotti:

Uno dei pochi negozi online dove è disponibile Ubuntu Feisty Fawn 7.04 è Linuxshop.de.

Dovrò pagare delle tasse?

I CD e la loro spedizione sono totalmente gratuiti, mentre le eventuali tasse e i dazi doganali vanno al di là del controllo di Canonical e dipendono unicamente dalle norme doganali del paese di residenza. Quanto più grande sarà l'ordine, tanto più elevata sarà la probabilità che la merce venga fermata per controllo e tanto maggiore potrà essere l'importo dell'imposta doganale. Per la maggior parte delle spedizioni effettuate (comprese le numerosissime spedizioni di piccolo taglio) non è stato applicato alcun dazio e i CD hanno varcato la frontiera senza alcun intoppo. In certe nazioni però (ad es. Croazia, Repubblica di Macedonia, Serbia e Montenegro ed altre), sono state sottoposte a fermo di dogana perfino spedizioni di singoli CD. Generalmente, visto che la quasi totalità delle spedizioni passa indenne attraverso la dogana, non dichiariamo importi sui singoli pacchetti di CD. Tuttavia, in alcune circostanze, ciò ha insospettito gli ufficiali della dogana. In futuro dichiareremo il valore su quelle spedizioni dirette verso le nazioni più problematiche relativamente alle norme doganali: perciò quelle stesse spedizioni saranno sottoposte a tassazione. Per il momento i nostri consigli in termini di tasse/dazi doganali consistono in:

  • Chiunque voglia ordinare un numero rilevante di CD dovrebbe consultare la dogana del proprio paese prima di confermare l'ordine. Aver chiarito prima che i Cd sono gratuiti potrà far risparmiare un bel mal di testa successivamente.

  • Se i tuoi CD sono stati fermati, scarica dal sito l'apposita lettera generica indirizzata alla dogana. Questo documento è disponibile (oltre all'inglese) anche nelle seguenti lingue:

  • Se necessiti di una copia personalizzata o firmata della lettera o che un fax venga inviato alla dogana direttamente da noi, contattaci tramite email all'indirizzo .

Potete fornire le custodie o i CD localizzati?

Sfortunatamente no. Canonical può solo spedire i CD, perché ottiene uno sconto all'ingrosso. Di conseguenza, non può stampare i CD o le custodie separati o differenti poiché non sarebbe in grado di conservare lo sconto all'ingrosso. Se il vostro gruppo locale appartenente alla comunità desidera finanziare la produzione di un CD localizzato, saremo felici di farvi avere la grafica corrispondente.

Quanto costa Ubuntu

€0.00. Ubuntu, Kubuntu, e Edubuntu sono, e saranno sempre, gratuiti al 100%.

Il CD non parte

Ho scaricato il file .iso e l'ho masterizzato su un CD, ma non parte il boot. Quando riavvio, il sistema dice "Booting da CD..." poi "fallito" e successivamente procede con il boot dal disco fisso.

Probabilmente hai masterizzato il file .iso su un CD come file, non come immagine. Il file .iso è un'immagine di un CD e deve essere masterizzata come tale. Se la masterizzi come un qualunque altro file, il risultato sarà che il CD non funziona. Prova ad accedere al CD in un computer qualsiasi. Dovresti vedere una lista di file e cartelle. Se invece vedi "ubuntu-xxxxx-xxxxx.iso" come unico file, non hai creato il CD correttamente. Cerca l'opzione "Scrivi immagine CD" o altra opzione simile nel tuo programma preferito di masterizzazione e usala per masterizzare il file .iso sul CD. Riavvia e divertiti :)

Come posso ottenere ulteriore aiuto?

Abbiamo recentemente messo a punto il sito web (in inglese) Ubuntu Help o (in italiano) Documentazione di Ubuntu. Visitalo per maggiori informazioni.

Ulteriori risorse

Dell & Ubuntu

domenica 7 ottobre 2007

Dell offers Ubuntu PCs in UK, France, and Germany
Computer manufacturing giant DELL, on Thursday announced that effective immediately, the Inspiron 6400n notebook computer, and the Inspiron 530n desktop PC will ship with the Ubuntu 7.04 (Feisty Fawn) operating system installed.

Initial availability is limited to the United Kingdom, Germany, and France.

Pricing for the Inspiron 6400n notebook starts at £329.00 for the N-Series-Intel® Celeron® M 520 Processor (1.6GHz,533MHz,1MB cache), and tops out at £925.50 for a fully appointed Core Duo machine with all the bells and whisltes.

The Inspiron 530n Ubuntu desktop with N-Series-Intel® Pentium® Dual-Core E2140 Processor (1.6GHz,800MHz,1MB cache) will relieve you of £399.00 of your pocket change, or you can get a 2.66Ghz Core Duo machine with all the trimmings --including an impressive 1TB of hard drive storage -- for the bargain price of £1,021.74 (VAT and shipping included).

This is another huge leap forward for the desktop Linux community, and specifically for Ubuntu, which now holds the distinction of the most popular Linux distro ever.

In related news, Lenovo Group Ltd., the world's No. 3 PC maker, said today that it would start selling laptop computers preloaded with Linux software.

It seems that consumers no longer want to be told what operating system to use, but rather they want the power to choose, and computer manufacturers are listening!

Acer & Ubuntu

venerdì 5 ottobre 2007

Acer, in arrivo nuovi pc basati su Ubuntu

Acer offrirà presto una nuova gamma di Pc basati sul sistema operativo Linux, offrendo così una ivalida alternativa ai sistemi offerti con Microsoft Vista. Nel frattempo un annuncio offre il portatile Aspire 5710Z con la distribuzione Ubuntu preinstallato.

Acer, in arrivo nuovi pc basati su Ubuntu

Acer segue le orme segnate da Dell e inizia ad installare il sistema operativo Linux su alcune delle macchine distribuite sul mercato. Nonostante la società produttrice di Pc non abbia rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale in merito, un annuncio in Singapore mostra il portatile Aspire 5710Z con la distribuzione Ubuntu preinstallata.

La macchina in offerta, dotata di processore Intel dual-core a 1,73 Mhz, 512 Mb di RAM e disco rigido da 80 Gb, viene venduta ad un prezzo pari a 660 dollari americani. Non è ancora chiaro però se l'offerta sia gestita direttamente da Acer o attraverso terze parti. Quel che è chiaro, invece, è l'intento con cui il responsabile Acer Gianfranco Lanci si scagliava contro Vista nei giorni scorsi: il sistema operativo Microsoft era stato bocciato e Ubuntu potrebbe rappresentare la exit strategy individuata per compensare i mancati proventi auspicati (ed evidentemente non ottenuti) dal nuovo sistema operativo di Redmond.

Anche Dell, il secondo più grande produttore al mondo di Pc dopo HP, ha introdotto nel mese di maggio cinque modelli di Pc consumer basati sulla distribuzione Linux Ubuntu. Mark Shuttleworth, creatore della distribuzione utilizzata dai due produttori, si è dimostrato entusiasta della domanda relativa alla fascia Pc-Linux, dimostrando così come ci sia spazio per prodotti "alternativi" in un mondo informatico dove Microsoft sembra fare sempre e comunque la parte del leone.

Microsoft strizza l'occhio a Red Hat e Ubuntu

Microsoft strizza l'occhio a Red Hat e Ubuntu

Microsoft strizza l'occhiolino da lontano a Red Hat. «Siamo sempre disponibili ad aprire una trattativa con loro» vien fatto sapere da Redmond e l'approccio è lanciato: il gruppo intende siglare con il vendor Linux una partnership similare a quella firmata con Novell, ma il passo sembra essere in questa occasione più problematico.

Con Novell vi fù l'effetto a sorpresa: trattavasi del primo accordo di una lunga serie e Microsoft conta oggi attorno a sè gruppi quali Xandros, Dell, LG, Samsung, Linspire e per tutti v'è stata una qualche trattativa legata a prodotti open source ed alla compatibilità tra i due antitetici mondi. Nel frattempo, però, sono insorti vari problemi legati alla GPL v3 ed alle ostruzioni provenienti dalla fazione open source, ove l'avvicinamento al mondo Microsoft è visto come un pericolo da evitare.

La parola d'ordine sembra essere quella di ricompattare le fila, ma le tentazioni offerte dai dobloni e dall'utenza di Redmond luccicano pesantemente. Da Red Hat non giunge risposta ufficiale, ma con tutta evidenza sul piatto della bilancia v'è il peso delle 235 violazioni di brevetto a pesare: le accuse Microsoft sono state respinte, ma al contempo chi ha firmato con il gruppo si è trovato al riparo da ogni minaccia.

Ubuntu

Ubuntu gioca d'anticipo: mentre Microsoft approccia Red Hat, dall'ennesimo vendor giunge una precisa presa di posizione firmata Mark Shuttleworth, l'eclettico numero uno del gruppo: «abbiamo declinato ogni discussione su qualsivoglia accordo con Microsoft relativamente la violazione di brevetti non specificati». Ubuntu, insomma, non ha intenzione di scendere a compromessi sulla base di una minaccia, ma la porta è aperta: «dò il benvenuto all'impegno di Microsoft per l'interoperabilità tra Linux e Windows e penso che Ubuntu potrà beneficiare di ogni investimento in tal senso». La risposta è lunga ed affronta più tematiche, ma è chiaro come Ubuntu non voglia "svendersi": Microsoft si avvicini pure, ma sappia che la trattativa non sarà semplice. Le regole le vuole dettare Mark Shuttleworth.


Pianeta Linux

27/02 - 35 cool applications to install on Ubuntu 8.04 Hardy Heron
26/02 - Epiphany, browser appositamente fatto per Ubuntu/Gnome
25/02 - A proposito di Gutsy Gibbon
23/02 - Run Linux inside Windows
21/02 - Yacdbak (Yet Another Cd backup)
21/02 - Games for Linux: comparison of free software shooters
20/02 - Rilasciata la nuova versione di ScribeFire
14/02 - Compiz, rilasciata la nuova versione 0.70
12/02 - How do I Backup Thunderbird Mail and Profile under Linux
11/02 - Blag, Distro Linux basata su Fedora Core
10/02 - Tape Backup, software per sistemi Linux
10/02 - Virtualizzazione, una rassegna di quattro opzioni
08/02 - Rilasciato Wine 0.9.5.5

05/02 - Come masterizzare un file superiore ai 4 Gb in Linux con K3b
07/02 Anche il governo giapponese aderisce allo standard ODF
07/02 - Ubuntu 8.04 Hardy Heron, all Software Packages
06/02 - Spantape, span single pipe across multiple SCSI tapes

Avant Window Navigator barra dock-like per il desktop Linux

Ho deciso di scrivere questo piccolo post per spiegare come installare Avant-Window-Navigator ( la creazione del mitico Neil J. Patel ), visto che mi arrivano richieste di aiuto proprio in questo senso.

Avant Window Navigator (spesso abbreviato in AWN) è una barra dock-like per il desktop linux che risiede nella parte bassa dello schermo dell'utente e mostra le applicazioni preferite dall'utente (che le trascina tramite drag and drop) e quelle aperte.

AWN usa icone per liberare spazio sul desktop e per rendere la GUI più accattivante. Nelle ultime versioni può assumere un aspetto in 3D con riflessi delle icone.

AWN è stato creato da Neil J. Patel ed è attualmente alla fase beta del suo sviluppo. Moltissime caratteristiche grafiche e funzionali del programma possono essere personalizzate, e sono disponibili vari plug-in per programmi specifici (Mozilla Firefox, Pidgin, Rhythmbox).

Siccome Avant Window Navigator richiede un gestore di finestre per funzionare, all'utente è consigliata l'installazione di programmi di composizione del desktop come Beryl o Compiz o il più moderno Compiz Fusion.

Questa guida e’ per Ubuntu e non sono responsabile per eventuali danni provocati al vostro Pc dai comandi riportati qui’ di seguito.





Aggiornamenti:

Ultima versione stabile: 0.3.2.1 del 05/05/2009

Per poter avere la splendida barra sui vostri desktop vi bastera’ aggiungiere ai repository della vostra installazone anche i seguenti:

## Avant Window Navigator

deb http://download.tuxfamily.org/syzygy42/ feisty avant-window-navigator

deb-src http://download.tuxfamily.org/syzygy42/ feisty avant-window-navigator

per aggiungierli vi bastera’ edistare il vostro sources.list lanciando da terminale il seguente comando:

$ gksudo gedit /etc/apt/sources.list

ed aggiungiendo i repo.

fatto questo aggiungiete la chiave gpg cosi’:

$ wget http://download.tuxfamily.org/syzygy42/8434D43A.gpg -O- | sudo apt-key add -

e aggiornate con:

$ sudo apt-get update

$ sudo apt-get upgrade

Ora per installare la versione stabile di awn digitate:

$ sudo apt-get install avant-window-navigator

Mentre per avere l’ ultima versione instabile:

$ sudo apt-get install avant-window-navigator-svn

Una volta installata vi bastera’ lanciarla o dal menu’ accessori o dal terminale con avant-window-navigator o con avant-window-navigator-svn.

Per farla partire all’ avvio vi bastera’ aggiungierla nei programmi d’ avvio della sessione aprendo sistema>preferenze>sessioni.

Screenshots


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:





Ultimi post pubblicati

Vacanze    TUI.it

Universo Linux

Ultimi post pubblicati

I miei preferiti

Segnala Feed WebShake – tecnologia iFeed Aggregatore di blog Aggregatore Blogstreet - dove il blog è di casa Vero Geek iwinuxfeed.altervista.org Paperblog Add to Technorati Favorites Directory dei blog italiani BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Feed XML offerto da BlogItalia.it BlogNews Il Bloggatore web counter Feedelissimo intopic.it