Creare backups del sistema per salvaguardare i dati

Visto i numerosi problemi che ed inconvenienti che possono accadere con un computer sicuramente un metodo per salvaguardare i dati è di usare più partizioni, una per la root e una per la home, così in caso di inaccessibilità alla root o robe simili basta reinstallare il sistema ma i dati restano nella home.

Però se poi vogliamo ripristinare tutto come era prima bisogna avere a disposizione un elenco dei pacchetti installati e delle configurazioni.

Questo è possibile salvando la directory /etc/ (configurazione)

e dando un dpkg --get-selections per avere l'elenco dei pacchetti

per automatizzare il tutto si può usare cron o meglio le crontab, cron è una applicazione che ad un ora stabilita fa un comando prescelto.

Innanzitutto creiamo uno script che faccia la copia e crei un archivio

#!/bin/bash
cd /home/USER/
rsync -a -v --delete /etc backup/etc
dpkg --get-selections > backup/dselct
tar -czvf backup_`date +%Y-%m-%d`.tar.gz backup/

il primo comando serve a spostarsi nella home così da non scrivere il percorso assoluto in tutti i comandi successivi

allora la seconda riga usa rsync per sincronizzare la cartella etc con etc dentro backup cioè una cartella nella home che teoricamente non dovrebbe essere toccata
-a sta per sincronizza ricorsivamente tutte le cartelle
-v stampare a video i file e le directory che sincronizza (non indispensabile)
--delete serve a cancellare i file che mancano nella dir di origine

il terzo comando serve per inviare al file dselct l'elenco dei file installati

l'ultimo comando serve per creare un archivio della cartella backup ora vediamo in dettaglio il codice
-c sta per create cioè creare il file
-z sta per il metodo di compressione gzip per creare un file tar.gz
-v elenca i file che sta comprimendo
-f serve per specificare il nome del file da creare

come potete vedere poi ho messo un comando nel nome cioè `date +%Y-%m-%d` che serve ad aggiungere la data per una maggiore facilità di lettura.

per far si che il tutto funzioni bisogna creare a mano nella home la directory backup

fatto ciò lo salviamo come dbackup e lo copiamo in /usr/local/bin/ gli diamo un chmod +x dbackup e il gioco per ora è fatto, così possiamo richiamarlo da shell scrivendo solo dbackup

ora dobbiamo configurare le crontab
facciamo così:
nano /etc/crontab

e aggiungiamo questa riga
0 22 * * * root /usr/local/bin/dbackup

analizziamola:


Il primo numero che leggiamo serve ad indicare i minuti, il secondo le ore, giorno del mese, mese, giorno della settimana i tre asterischi stanno ad indicare non impostato quindi questo agisce tutti i giorni, la distinzione tra giorni del mese e giorni della settimana serve per fare in modo da poter far ripetere una determinata azione o una volta al mese o alla settimana; root sta ad indicare l'utente che dovrà eseguire l'operazione, visto che agisce su file appartenenti a root e comandi che solo lui può eseguire bisogna mettere root l'ultimo parametro indica il percorso dello script da eseguire.

Nel mio caso tutti i giorni alle 10 di sera verrà creato un archivio tar.gz con i file indispensabili.

La scelta di prima copiare i dati nella home poi creare un archivio è dovuta dalla comodità che ne deriva cioè se c'è bisogno di ripristinare al volo non bisogna neanche scompattare l'archivio basta copiare.

Volendo l'archivio è possibile inviarlo ad un proprio server ftp così da tenerlo sempre al sicuro o ... di copiarlo automaticamente da qualche parte basta aggiungere i comandi adeguati allo script, io lo trovo comodo così già nella home è al sicuro poi io a mano lo copio o su una chiavetta o su internet dipende.

Lo script lo potete trovare nella sezione download ricordatevi che è da Modificare

fonte: Darkmagister

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:





Ultimi post pubblicati

Vacanze    TUI.it

Universo Linux


Luca Soraci

Luca Soraci

Ubuntu giunge alle nostre orecchie solo perché è stato mutuato come nome per un sistema operativo di successo; lo abbiamo sentito nei discorsi di Mandela, del vescovo Tutu, ed è uno dei concetti fondanti di quel movimento di rinascimento che vuole far fiorire il continente africano al di sopra delle difficoltà attuali.

1 commento:

  1. ottimo! sarebbe utile per uno all'inizio come me sapere pure come ricostruire il tutto qualora, sperando di no, ce ne fosse bisogno.

    grazie

    RispondiElimina

Powered by Blogger.